Bando #CONCILIAMO: Contributi per progetti di welfare aziendale

Il Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dopo la revoca del primo avviso di settembre, ha pubblicato una nuova edizione del bando #Conciliamo, misura nata per finanziare progetti di welfare aziendale, in grado di impattare positivamente sulla qualità di vita dei lavoratori e delle lavoratrici e, di conseguenza, sulla produttività delle imprese. 

Le proposte progettuali devono riguardare azioni finalizzate a perseguire uno o più dei seguenti obiettivi riguardanti il rapporto tra la famiglia e l’attività lavorativa:

  • a) Crescita della natalità;
  • b) Riequilibrio tra i carichi di cura tra uomini e donne;
  • c) Incremento dell’occupazione femminile;
  • d) Contrasto dell’abbandono degli anziani;
  • e) Supporto della famiglia in presenza di componenti disabili;
  • f) Tutela della salute.

Il bando è rivolto a tutte le imprese di ogni dimensione purché aventi sede legale o unità operativa nel territorio nazionale.
Possono presentare domanda anche i consorzi, i gruppi di società collegate o controllate e le imprese riunite in associazioni temporanee d’impresa (ATS), contratti di rete o associazioni temporanee d’impresa (ATI).

Sono finanziabili progetti che riguardino le seguenti azioni o che siano con esse coerenti:

  • a) Flessibilità oraria e organizzativa (banca del tempo, lavoro da remoto, part-time, assunzioni a termine, permessi e congedi);
  • b) Promozione e sostegno della natalità e della maternità, nonché reinserimento delle lavoratrici e dei lavoratori dopo un periodo di assenza dal lavoro per motivi legati ad esigenze di conciliazione (incentivi alla natalità, specifiche iniziative formative per assenze di lungo periodo);
  • c) Interventi e servizi (servizi di supporto alla famiglia, tutela della salute, caregivers, time saving, mobilità, flexible benefit e ulteriori misure di sostegno ai dipendenti, piani di comunicazione relativi ai progetti di welfare intrapresi).

Sono ammissibili le seguenti spese:

  • Spese di personale;
  • Costi relativi a strumentazioni, attrezzature, immobili e terreni nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto;
  • Costi della ricerca contrattuale, delle competenze e dei brevetti acquisiti e ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato;
  • Spese generali supplementari e altri costi di esercizio, compresi i costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, direttamente imputabili al progetto.

Le spese ammissibili devono essere direttamente ed esclusivamente imputabili al progetto e devono essere sostenute successivamente alla data di avvio del progetto ed entro i limiti temporali previsti in fase di presentazione, ad eccezione delle spese riferite alla progettazione e alla rendicontazione del progetto.

L’importo del finanziamento richiedibile varia in relazione alla dimensione aziendale e all’ammontare dei ricavi del soggetto richiedente, nella seguente misura:

  • tra 15.000 e 50.000 € per le imprese con meno di 10 dipendenti e ricavi uguali o inferiori ai 2 milioni di euro – il soggetto che richiede il contributo deve contribuire ai costi previsti dal progetto nella misura del 10% del totale dell’importo richiesto; 
  • tra 30.000 e 100.000 € per le imprese con meno di 50 dipendenti e ricavi uguali o inferiori a 10 milioni di euro - il soggetto che richiede il contributo deve contribuire ai costi previsti dal progetto nella misura del 15% del totale dell’importo richiesto;
  • tra 100.000 e 300.000 € per le imprese con un numero di dipendenti che va da 50 a 250 unità e ricavi uguali o inferiori a 50 milioni di euro - il soggetto che richiede il contributo deve contribuire ai costi previsti dal progetto nella misura del 20% del totale dell’importo richiesto;
  • tra 250.000 e 1.500.000 € per le imprese con più di 250 dipendenti e ricavi superiori a 50 milioni di euro - il soggetto che richiede il contributo deve contribuire ai costi previsti dal progetto nella misura del 30% del totale dell’importo richiesto.

Le domande di finanziamento vanno presentate tramite PEC entro e non oltre il 18 dicembre 2019.

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
22/01/2020 Regione Lombardia: Contributi a fondo perduto per la brevettazione delle invenzioni industriali di mpmi e professionisti lombardi

Dal 23 gennaio al 31 marzo 2020 le micro, piccole e medie imprese e i professionisti lombardi possono fare richiesta di un contributo a fondo perduto per finanziare il deposito di nuovi brevetti sia europei sia internazionali, relativi a invenzioni industriali.

22/01/2020 Camera di Commercio di Bologna: Contributi a sostegno delle mamme imprenditrici 2020

Dal 14 settembre al 16 ottobre le imprese amministrate da donne imprenditrici che hanno figli nati nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2020 e il giorno di invio della domanda, possono richiedere un contributo a fondo perduto del 50 % delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 12.500 euro.

22/01/2020 Fondo per la Sicurezza della Camera di Commercio di Modena

Dal 2 marzo al 31 marzo 2020 le imprese della provincia di Modena possono contare su un contributo a fondo perduto fino al 50 % per l'acquisto di sistemi di sicurezza.