Camera di Commercio di Verona: contributi a fondo perduto per l’internazionalizzazione

La Camera di Commercio di Verona ha pubblicato un bando destinato alla concessione di contributi a fondo perduto in favore delle micro, piccole e medie imprese intenzionate ad intraprendere dei progetti di internazionalizzazione.

Il bando prevede le due seguenti misure, individuate in base alla tipologia che progetto che è possibile realizzare:
  • Misura A – partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali organizzate sia in Italia che all’estero in forma singola e/o aggregata;
  • Misura B – realizzazione all’estero di iniziative per la promozione, esclusivamente in forma aggregata, della “Destinazione Verona”, progetto strategico elaborato per la promozione del territorio, delle tipicità e del turismo della provincia di Verona. 
 
Per i progetti candidabili alla Misura A del bando sono ammesse le seguenti spese:
 
  • le spese di locazione e/o di allestimento degli spazi espositivi presso manifestazioni fieristiche utilizzati per la promozione delle attività aziendali, ivi compresa la dotazione di aree d’incontro e spazi di servizio per le imprese (a pena di esclusione, tali spese devono essere obbligatoriamente rendicontate per poter accedere al contributo);
  • le spese relative al trasporto del materiale da allestimento ed espositivo;
  • le spese relative al servizio di interpretariato;
  • le spese di viaggio in classe economica, nella misura massima di un solo rappresentante per impresa (sono in ogni caso escluse le spese e gli oneri relativi al personale del soggetto beneficiario per vitto e alloggio, etc.);
  • le spese relative al materiale di documentazione e informazione promozionale;
  • le spese relative a informazioni sul Paese, analisi di settore e ricerche di mercato, ricerca e selezione di partner esteri (clienti, agenti e distributori, fornitori), organizzazione di incontri d’affari, assistenza in loco, assistenza tecnica su procedure e documenti per l’estero (tali spese non devono superare complessivamente il 30% del costo complessivo dell’investimento e saranno ammesse a contributo esclusivamente se correlate all’effettiva partecipazione ad una manifestazione fieristica).
Per i progetti candidabili alla Misura B del bando sono ammesse le seguenti spese:
 
  • le spese di locazione e/o di allestimento degli spazi utilizzati per la realizzazione di un evento di presentazione della “Destinazione Verona”;
  • le spese relative al trasporto del materiale da allestimento ed espositivo;
  • le spese relative al servizio di interpretariato;
  • le spese di viaggio in classe economica, nella misura massima di un solo rappresentante per impresa (sono in ogni caso escluse le spese e gli oneri relativi al personale del soggetto beneficiario per vitto e alloggio, etc.);
  • le spese relative al materiale di documentazione e informazione promozionale;
  • le spese relative a informazioni sul Paese, analisi di settore e ricerche di mercato, ricerca e selezione di partner esteri (clienti, agenti e distributori, fornitori), organizzazione di incontri d’affari, assistenza in loco, assistenza tecnica su procedure e documenti per l’estero, nonché ulteriori spese strettamente correlate alla promozione della Destinazione Verona.
L’importo del contributo concesso varia in base alla tipologia di misura nella quale rientra il progetto candidato nel seguente modo:
  • Misura A - contributo del 20 % delle spese ammissibili fino ad un massimo di € 8.000 per la partecipazione in forma singola e di € 8.000 per impresa in caso di partecipazione in forma aggregata con un tetto massimo di € 50.000. 
  • Misura B - contributo del 50 % delle spese ammissibili fino ad un massimo di € 8.000 per impresa in caso di partecipazione in forma aggregata con un tetto massimo di € 50.000. 
Domande al via dal 9 settembre al 23 settembre esclusivamente in via telematica.
Potrebbe interessarti anche...
21/05/2018 Voucher internazionalizzazione: nuovi beneficiari del voucher per servizi TEM
Il Direttore Generale del MISE ha pubblicato una nuova lista di imprese, cui è stato assegnato il voucher finalizzato all'acquisizione di servizi di consulenza da parte di Temporary Export Manager.
Entro il 30 giugno 2018 le imprese inserite nell'elenco dovranno far pervenire al MISE il contratto di servizio concluso con un TEM tra quelli inseriti nell'elenco aggiornato disponibile sul sito del MISE. Entro la stessa data dovranno fare pervenire al MISE anche i documenti indicati nell'art. 10 del Decreto Direttoriale 18 settembre 2017.
 
04/02/2019 Contributi a fondo perduto per progetti di Promozione Export e internazionalizzazione intelligente

Prende il via la terza edizione del Bando Promozione export e internazionalizzazione intelligente. Il bando sarà aperto dal 4 febbraio 2019 ore 10.00 e resterà disponibile fino al 18 marzo 2019 ore 16.00. L’obiettivo del bando è quello di rafforzarne le capacità organizzative e manageriali sui mercati esteri, anche con il supporto ad attività di promozione. 

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
04/06/2020 CCIAA Reggio Emilia: Prorogata fino al 30 giugno 2020 la scadenza del Bando Internazionalizzazione

Fino al 30 giugno 2020 le pmi reggiane potranno richiedere un contributo a fondo perduto fino al 40 % per la partecipazione a manifestazioni internazionali che si svolgono in paesi esteri nel periodo 01/02/2020 - 31/01/2021. 

03/06/2020 Firmato il decreto attuativo del Piano Transizione 4.0

Con il Piano saranno mobilitati 7 miliardi di euro di risorse per le imprese che maggiormente punteranno sull’innovazione, gli investimenti green, in ricerca e sviluppo, in attività di design e innovazione estetica, sulla formazione 4.0.

28/05/2020 Regione Veneto: Bando per la concessione di contributi ai luoghi storici del commercio per far fronte alle conseguenze del'epidemia di COVID-19

Dalla Regione Veneto un bando dedicato alle attività commerciali iscritte, al 30 aprile 2020, nell'elenco regionale dei luoghi storici del commercio per sostenere le attività commerciali nella difficile fase della ripartenza post COVID-19.

Previsto un contributo a fondo perduto dell'80% fino ad un massimo di 7.000 euro.