CCIAA di Modena: contributi a fondo perduto per la prevenzione della crisi d'impresa

La Camera di Commercio di Modena e provincia ha pubblicato il Bando Voucher per la prevenzione della crisi d'impresa con l'obiettivo di: 

  • favorire lo sviluppo della cultura di prevenzione della crisi d’impresa;
  • contrastare le difficoltà economico-finanziarie delle micro piccole e medie imprese della provincia di Modena.

Quale tipologia di contributo prevede il Bando Voucher per la prevenzione della crisi d'impresa della CCIAA di Modena?

Il Bando Voucher per la prevenzione della crisi d'impresa della CCIAA di Modena prevede la concessione di un contributo a fondo perduto del 70% delle spese ammesse e dell'importo massimo di 5.000 euro.

L'importo minimo di investimento è di 1.000 euro.

Alle imprese in possesso del rating di legalità verrà riconosciuta una premialità di 250 euro.

Quali spese finanzia il Bando Voucher per la prevenzione della crisi d'impresa della CCIAA di Modena?

Il Bando Voucher per la prevenzione della crisi d'impresa della CCIAA di Modena finanzia le spese per:

  • servizi di consulenza e/o corsi di formazione relativi al monitoraggio dell’equilibrio economico finanziario e degli assetti organizzativi;
  • adozione di strumenti di allerta, anticipazione e gestione delle crisi di impresa;
  • acquisto di strumenti software funzionali all’introduzione dei sistemi di monitoraggio dell’equilibrio economico finanziario, di allerta e gestione della crisi di impresa.

Sono in ogni caso escluse dalle spese ammissibili quelle per trasporto, vitto e alloggio, servizi di consulenza specialistica relativi alle ordinarie attività amministrative aziendali o commerciali, quali, a titolo esemplificativo, i servizi per l’acquisizione di certificazioni (es. ISO, EMAS, ecc.), software e servizi di consulenza in materia fiscale, contabile e legale non connessi alla prevenzione dello stato di crisi, d’insolvenza e di liquidazione delle imprese.

Tutte le spese possono essere sostenute a partire dal 1° gennaio 2022 fino al 120° giorno successivo alla data della determinazione di approvazione della graduatoria delle domande ammesse a contributo.

I fornitori di beni e servizi non possono essere soggetti beneficiari della presente agevolazione.

Inoltre, i fornitori di beni e/o di servizi non possono essere in rapporto di controllo/collegamento con l’impresa beneficiaria e/o avere assetti proprietari sostanzialmente coincidenti.

Quando occorre presentare la richiesta del contributo prevista dal Bando Voucher per la prevenzione della crisi d'impresa della CCIAA di Modena?

Le richieste di contributo possono essere inviate a partire dalle ore 10:00 di lunedì 11 aprile fino alle ore 20:00 di martedì 31 maggio 2022.

 

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
04/08/2022 CCIAA di Ravenna: contributi a fondo perduto per investimenti in digitalizzazione

Prenderà il via il prossimo 27 settembre l'edizione 2022 del Bando voucher digitali I4.0 della Camera di commercio di Ravenna.

La misura finanzia attraverso la concessione di un voucher gli investimenti delle imprese della provincia di Ravenna che prevedono l'introduzione in azienda di tecnologie industria 4.0.

Previsto un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili e dell'importo massimo concedibile di 4.000 euro.

04/08/2022 CCIAA di Ferrara: contributi a fondo perduto per investimenti in digitalizzazione

Prenderà il via il prossimo 27 settembre l'edizione 2022 del Bando voucher digitali I4.0 della Camera di commercio di Ferrara.

La misura finanzia attraverso la concessione di un voucher gli investimenti delle imprese della provincia di Ferrara che prevedono l'introduzione in azienda di tecnologie industria 4.0.

Previsto un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili e dell'importo massimo concedibile di 4.000 euro.

01/08/2022 CCIAA di Ravenna: contributi a fondo perduto per certificazioni ambientali, sociali e di parità di genere

Per le imprese di Ravenna e provincia un contributo a fondo del 50% delle spese ammesse e dell'importo massimo concedibile di 2.500 euro.

Finanziate le spese per la formazione del personale, per consulenze specialistiche e per certificazione, registrazione o rilascio della concessione del marchio ecologico.