CCIAA Ravenna: Bando per il sostegno di nuove imprese del territorio ravennate

Fino al 31 gennaio 2020 le nuove imprese, ubicate nel territorio della provincia di Ravenna e attivate nel secondo semestre 2019, possono fare richiesta alla Camera di Commercio di Ravenna di un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese sostenute per l’avvio d’impresa, fino ad un massimo di 5.000 €.

Possono beneficiare del contributo le pmi di tutti i settori economici che abbiano avviato la loro attività nel periodo compreso tra l’1/01/2019 e il 31/12/2019 ad eccezione di quelle appartenenti al codice ateco 56, in quanto già destinatarie di un'altra misura camerale.

Sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  • a) Onorari notarili e costi relativi alla sola costituzione d'impresa al netto di tasse, imposte, diritti e bolli anticipate dal notaio/consulente;
  • b) Acquisto di beni strumentali/macchinari/attrezzature/arredi nuovi incluso le spese per il montaggio/manodopera e realizzazione di strutture non in muratura e rimovibili necessari all'attività; le spese devono riguardare esclusivamente beni durevoli, non di consumo e strettamente funzionali all'attività svolta (esclusi i beni di consumo e/o facilmente deperibili quali biancheria da tavola, biancheria da bagno, biancheria da letto, stoviglie, ecc.; ). Tale voce di spese deve essere pari ad almeno il 20% del totale delle spese ammissibili;
  • c) Impianti generali incluso montaggio/manodopera per un importo massimo pari al 30% del totale dell'investimento complessivamente ammesso; sono escluse le realizzazioni “fai da te” documentate solo con acquisti di materiale;
  • d) Quote iniziali del contratto di franchising, nel limite del 30% del totale dell'investimento complessivamente ammesso;
  • e) Acquisto e sviluppo di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali inerenti all'attività dell'impresa (escluso canoni abbonamento);
  • f) Acquisto di hardware (escluse spese per smartphone e cellulari);
  • g) Spese per la registrazione e il deposito di propri marchi e brevetti;
  • h) Spese di pubblicità limitatamente ai seguenti casi: messaggi pubblicitari su radio, TV, cartellonistica, social network, banner su siti di terzi, Google AdWords (costi di pubblicazione inclusi);
  • i) Spese per la realizzazione di materiale promozionale limitatamente ai seguenti casi: brochure, depliants, cataloghi, gadget;
  • j) Spese per la realizzazione del sito d'impresa, esclusi i costi dei successivi interventi di restyling;
  • k) Installazione di impianti antintrusione, antirapina, sistemi antifurto (compresi centraline, sensori volumetrici, dispositivi di protezione perimetrale e telecamere di videosorveglianza, ecc...) per la sicurezza dei locali in cui sono esercitate le attività d’impresa (sono escluse spese per inferriate, infissi e porte di sicurezza.

Le domande di contributo devono essere inviate esclusivamente per via telematica.

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
04/06/2020 CCIAA Reggio Emilia: Prorogata fino al 30 giugno 2020 la scadenza del Bando Internazionalizzazione

Fino al 30 giugno 2020 le pmi reggiane potranno richiedere un contributo a fondo perduto fino al 40 % per la partecipazione a manifestazioni internazionali che si svolgono in paesi esteri nel periodo 01/02/2020 - 31/01/2021. 

03/06/2020 Firmato il decreto attuativo del Piano Transizione 4.0

Con il Piano saranno mobilitati 7 miliardi di euro di risorse per le imprese che maggiormente punteranno sull’innovazione, gli investimenti green, in ricerca e sviluppo, in attività di design e innovazione estetica, sulla formazione 4.0.

28/05/2020 Regione Veneto: Bando per la concessione di contributi ai luoghi storici del commercio per far fronte alle conseguenze del'epidemia di COVID-19

Dalla Regione Veneto un bando dedicato alle attività commerciali iscritte, al 30 aprile 2020, nell'elenco regionale dei luoghi storici del commercio per sostenere le attività commerciali nella difficile fase della ripartenza post COVID-19.

Previsto un contributo a fondo perduto dell'80% fino ad un massimo di 7.000 euro.