Credito d'imposta beni strumentali: Importante regolarizzare la fattura

Con gli interpelli n. 438 e n. 439 del 5 ottobre 2020 l'Agenzia della Entrate, in relazione al Credito d'Imposta per investimenti in beni strumentali, ha chiarito quando segue:

- La fattura sprovvista del riferimento all'art. 1, commi da 184 a 197, legge 27 dicembre 2019, n. 160, non è considerata documentazione idonea e determina, quindi, in sede di controllo la
revoca della quota corrispondente di agevolazione;
- In relazione alle fatture emesse in formato cartaceo, il riferimento può essere riportato dall'impresa acquirente sull'originale di ogni fattura, sia di acconto che di saldo, con scrittura
indelebile, anche mediante l'utilizzo di un apposito timbro;
- In relazione alle fatture elettroniche, il beneficiario, in alternativa, può stampare il documento di spesa apponendo la predetta scritta indelebile che, in ogni caso, dovrà essere
conservata oppure realizzare un'integrazione elettronica da unire all'originale e conservare insieme allo stesso con le modalità indicate, seppur in tema di inversione contabile, nella circolare n.
14/E del 2019.
La regolarizzazione dei documenti già emessi dovrà essere operata da parte dell'impresa beneficiaria entro la data in cui sono state avviate eventuali attività di controllo.

Cos'è il Credito d'Imposta per investimenti in beni strumentali

L'agevolazione riguarda investimenti in beni strumentali nuovi, destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato, effettuati:

  • a decorrere dal 1° gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020,
  • oppure
  • entro il 30 giugno 2021 a condizione che: entro la data del 31 dicembre 2020 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e che sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.

Sono previste tre tipologie di beni agevolabili, in base alle quali varia l'ammontare del credito d'imposta concedibile:

  • a) Investimenti in beni materiali nuovi strumentali all’esercizio dell’impresa:
  • Credito d'imposta del 6 % per investimenti fino a 2 milioni di euro;
  • b) Investimenti in beni materiali nuovi strumentali all’esercizio dell’impresa di cui all’allegato A, Legge di Bilancio 2017:
  • Credito d'imposta del 40 % per investimenti da 0 a 2,5 milioni di euro;
  • Credito d'imposta del 20% per investimenti da 2,5 a 10 milioni di euro;
  • c) Investimenti in beni immateriali nuovi di cui all’allegato B, Legge di Bilancio 2017:
  • Credito d'imposta del 15% per investimenti fino a 700.000 euro.

Per approfondire, leggi la nostra scheda 

 


 

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
14/01/2021 Mediocredito Centrale: #Innòvati finanziamento

Le imprese delle regioni BasilicataCalabriaCampaniaPuglia e Sicilia, che hanno presentato domanda di accesso al Nuovo Bando Macchinari Innovativi possono contare su #Innòvati Finanziamento, un finanziamento agevolato fino al 25% delle spese ammissibili, complementare alla misura agevolativa gestita da Invitalia.

13/01/2021 MISE: Contributi a fondo perduto per progetti di Ricerca e Sviluppo per l'innovazione tecnologica del settore elettrico

Aperto fino al 3 marzo 2021 il Bando per progetti di ricerca del sistema elettrico nazionale del MiSe, che finanzia progetti di ricerca e7o sviluppo finalizzati all'innovazione tecnica e tecnologica del settore elettrico. Previsto un contributo a fondo perduto del 50% per le attività di ricerca industriale e del 25% per le attività di sviluppo sperimentale.

04/01/2021 Economia Circolare: Ancora disponibili risorse per progetti di R&S per la riconversione produttiva delle imprese

Erano 72, al 23 dicembre 2020, le domande presentate a valere sul Bando Economia Circolare del MiSe, finalizzato alla promozione di progetti di ricerca e sviluppo che prevedano la riconversione delle attività produttive verso un modello di economia in grado di aumentare il tempo di vita dei prodotti e minimizzare la produzione di rifiuti. Richiesti 76 dei 217 milion i a disposizione per la misura.