Dalla Regione Emilia Romagna un bando per la promozione degli investimenti

Con l’obiettivo di attrarre investimenti in Emilia Romagna, la Regione ha pubblicato un bando finalizzato a promuovere gli accordi regionali di insediamento e sviluppo, al fine di accrescere la capacità competitiva ed innovativa delle filiere e del sistema produttivo regionale.
Il bando è destinato alle singole imprese esercenti attività diretta alla produzione di beni e servizi che intendono investire sul territorio regionale o che siano già presenti con almeno un’unità locale situata in Emilia Romagna.
 
Il contributo complessivo regionale riferito al programma di investimento non potrà superare i seguenti importi massimi:
  • Per le sole imprese appartenenti ai settori delle industrie culturali e creative, 
  • 700 mila Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 10 e 19 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati) rispetto al 31 dicembre 2018;
  • 1,5 milioni di Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 20 e 49 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati) rispetto al 31 dicembre 2018;
  • 4 milioni di Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale compreso tra 50 e 149 dipendenti addizionali (di cui almeno il 30% laureati) rispetto al 31 dicembre 2018;
  • 7 milioni di Euro per proposte di investimento con impatto occupazionale superiore ai 150 dipendenti addizionali rispetto al 31 dicembre 2018.
Possono essere oggetto di contributo le seguenti spese:
  • Aiuti a favore di ricerca e di sviluppo;
  • Investimenti per la realizzazione di strutture di ricerca;
  • Investimenti produttivi nelle aree assistite;
  • Acquisto di servizi di consulenza per le Pmi relative ai nuovi investimenti;
  • Investimenti per la tutela dell'ambiente per interventi finalizzati all’efficienza energetica, alla cogenerazione ad alto rendimento, alla produzione di energia da fonti rinnovabili, impianti di teleriscaldamento e teleraffreddamento, nonché al riciclaggio e il riutilizzo dei rifiuti;
  • Realizzazione di progetti di formazione;
  • Incentivi all'assunzione di lavoratori svantaggiati e lavoratori con disabilità.
 
E’ possibile presentare domanda in due finestre temporali:
  1. dal 25 marzo al 30 aprile 2019;
  2. dal 1 ottobre al 6 novembre 2019.
Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
17/09/2020 CCIAA Ferrara: Contributi a fondo perduto per la ripartenza in sicurezza delle imprese

La Camera di Commercio di Ferrara ha pubblicato un bando per la concessione di contributi a fondo perduto a sostegno della ripartenza in sicurezza delle imprese ferraresi dopo l’ emergenza COVID-19. Agevolati i costi che le imprese hanno dovuto affrontare per il rispetto di nuove regole imposte per la sicurezza dei lavoratori, dei clienti e dei fornitori dell'impresa, al fine di prevenire una nuova esplosione del contagio.

Previsto un contributo a fondo perduto fino ad un massimo di 5.000 euro.

15/09/2020 Regione Lombardia: Contributi a fondo perduto per la partecipazione a fiere internazionali in Lombardia

Al via dal 15 settembre 2020 la nuova versione del bando della Regione Lombardia per la concessione di contributi in favore delle micro, piccole e medie imprese lombarde che intendano partecipare alle fiere internazionali che si svolgono in Lombardia nel periodo compreso tra il 1° settembre 2020 e il 31 dicembre 2022.

Previsto un contributo a fondo perduto di 15.000 euro in favore dei nuovi espositori e di 10.000 euro nel caso in cui l'impresa richiedente abbia già partecipato ad almeno un'edizione, nelle 2 o 3 precedenti edizioni della fiera per la quale richiede il contributo.

07/09/2020 CCIAA Milano MB Lodi: Contributi a fondo perduto per soluzioni innovative per i settori commercio, turismo, artigianato, servizi

Fino al 17 settembre 2020 le imprese delle province di Milano, Monza-Brianza e Lodi potranno richiedere un contributo a fondo perduto per realizzare progetti che prevedano lo sviluppo di soluzioni innovative, destinate in particolare alla gestione del cliente in presenza e alla logistica, per le imprese del commercio, del turismo, dell’artigianato e dei servizi.

Previsto un contributo a fondo perduto del 40% fino all'importo massimo di 40.000 euro.