SISMABONUS: i chiarimenti dell'agenzia delle entrate

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che anche le spese di manutenzione ordinaria, quali, a titolo di esempio, la tinteggiatura, l’intonacatura e il rifacimento dei pavimenti possono rientrare nel Sismabonus, a patto che  facciano parte di un più ampio intervento antisismico.


Inoltre l’Agenzia ha precisato che l’asseverazione del progettista dell’intervento strutturale, che deve certificare la classe di rischio dell’edificio prima dei lavori e quella conseguente all’intervento progettato, deve tassativamente essere presentata prima dell’inizio dei lavori. La presentazione tardiva dell’asseverazione non consente l’ottenimento dei benefici fiscali previsti dal bonus antisismico.


Altro chiarimento dell’Agenzia riguarda l’impossibilità di fruire della detrazione del Sismabonus  in un numero di rate maggiore delle 5 stabilite nella misura.
Per ovviare a questo inconveniente è possibile optare per l’agevolazione destinata agli interventi di recupero del patrimonio edilizio che, seppur di misura inferiore (50%), è fruibile in un numero di 10 rate. Si precisa che quest’ultima opzione  non è praticabile per i soggetti Ires, in quanto essi non possono usufruire del bonus ristrutturazioni.

Potrebbe interessarti anche...
01/03/2019 Sisma bonus e bonus mobili

Per il quinquennio compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021 è possibile richiedere la detrazione fiscale del 50 % delle spese sostenute per interventi finalizzati all’adozione di misure antisismiche e per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici nuovi, destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

04/03/2019 Dalla Regione Emilia Romagna oltre 60 mln per i comuni colpiti dal sisma

La Regione Emilia Romagna ha pubblicato tre bandi dedicati al rilancio economico dei comuni del cratere ristretto del Sisma del 2012, indirizzati a esercizi commerciali, studi professionali, associazioni, enti no profit, pmi e start up. 

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
13/06/2019 Bando della Regione Emilia Romagna per il sostegno agli investimenti delle imprese operanti nelle attività ricettive e turistico ricreative

La Regione Emilia Romagna ha pubblicato il bando per il sostegno agli investimenti delle imprese operanti nelle attività ricettive e turistico ricreative dell’Emilia Romagna, con l’intento di incentivare l’insediamento e lo sviluppo delle attività del settore, mediante la concessione di contributi a fondo perduto per interventi di riqualificazione, ristrutturazione e di ammodernamento delle attrezzature.

13/06/2019 Bando Start Up Innovative 2019 della Regione Emilia Romagna

La Regione Emilia Romagna ha pubblicato il Bando Start Up innovative 2019 che prevede contributi a fondo perduto del 60 % per micro e piccole imprese registrate nella sezione speciale del Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio dedicata alle start-up innovative. Domande dalle ore 10 dell’ 8 luglio 2019 alle ore 17.00 dell’11 ottobre 2019.

 

06/06/2019 Bando ISI INAIL 2018: pubblicata la data del click day

La data del click day per l’accesso ai contributi del Bando ISI INAIL 2018 é stata fissata per venerdì 14 giugno 2019 dalle ore 15:00 alle ore 15:20.