Smart Money: Contributi a fondo perduto per l'avvio e lo sviluppo di start up innovative

Sono 9,5 i milioni di euro stanziati per la misura "Smart Money" del MiSe, intervento agevolativo  previsto all'articolo 38, comma 2, del Decreto Rilancio, finalizzato a favorire il rafforzamento del sistema delle start-up innovative italiane sostenendole nella realizzazione di progetti di sviluppo e facilitandone l’incontro con l’ecosistema dell’innovazione.

Chi può richiedere il contributo a fondo perduto 

Possono fare richiesta di contributo a fondo perduto le start-up innovative che, alla data di presentazione della domanda, presentano i seguenti principali requisiti:

  • Sono classificabili come piccole imprese
  • Sono regolarmente costituite da meno di 24 mesi e iscritte nell’apposita sezione speciale del Registro delle imprese
  • Si trovano nelle prime fasi di avviamento dell’attività o nella prima fase di sperimentazione dell’idea d’impresa (pre-seed), oppure sono nella fase di creazione della combinazione product/market fit (seed);
  • Hanno sede legale e operativa ubicata su tutto il territorio nazionale.

Possono inoltre fare domanda di contributo le persone fisiche che abbiano intenzione di costituire una start-up innovativa a patto che:

  • L'impresa sia formalmente costituita entro e non oltre 30 giorni dalla data della comunicazione di ammissione alle agevolazioni;
  • L'impresa abbia inoltrato, entro e non oltre 30 giorni dalla data della comunicazione di ammissione alle agevolazioni, la domanda di iscrizione sia alla sezione ordinaria del Registro delle imprese sia a quella speciale.

Sono espressamente escluse le imprese operanti nei settori dell' agricoltura primaria, della pesca e dell'acquacoltura.

Cosa finanzia il contributo a fondo perduto

Il bando prevede la concessione di contributi a fondo perduto per il finanziamento delle spese connesse alla realizzazione di un piano di sviluppo, della durata non inferiore a 12 mesi, svolto in collaborazione con gli attori dell’ecosistema dell’innovazione operanti per lo sviluppo di imprese innovative.

Inoltre, per le sole start-up innovative che hanno avviato il succitato piano di attività, è previsto un ulteriore contributo a fondo perduto a fronte di investimenti nel capitale di rischio della start-up innovativa operati dagli attori dell’ecosistema dell’innovazione.

Quali sono gli "attori dell'ecosistema dell'innovazione" abilitati

Sono abilitati ad operare nell’ambito degli interventi previsti dalla misura i seguenti soggetti:

  • Incubatori certificati e acceleratori
  • Innovation hub, ovvero gli organismi che forniscono alle imprese servizi per introdurre tecnologie, sviluppare progetti di trasformazione digitale, accedere all’ecosistema dell’innovazione a livello regionale, nazionale ed europeo;
  • Organismi di ricerca.

Sono inoltre abilitati ad attuare gli interventi nel capitale di rischio i seguenti soggetti:

  • Business angels;
  • Investitori qualificati

Quali sono le spese ammissibili

Sono ammissibili le spese relative all'acquisizione di servizi finalizzati ad accelerare e facilitare la realizzazione del progetto di sviluppo, riconducibili ai seguenti ambiti:

  • Consulenza organizzativa, operativa e strategica finalizzata allo sviluppo e all’implementazione del progetto;
  • Gestione della proprietà intellettuale;
  • Supporto nell’autovalutazione della maturità digitale;
  • Sviluppo e lo scouting di tecnologie;
  • Prototipazione, ad esclusione del prototipo funzionale;
  • Preparazione lavori per campagne di crowfounding;
  • Solo se correlata alla fornitura dei servizi ammessi, la messa a disposizione dello spazio fisico e dei relativi servizi accessori di connessione e networking necessari per lo svolgimento delle attività di progetto.

Tali spese, di importo complessivo non inferiore a 10.000 euro, devono essere sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazione ed entro 18 mesi dalla data di adozione della delibera di ammissione. 
 

Misura del contributo a fondo perduto 

L'agevolazione prevede la concessione di un contributo a fondo perduto:

  • Pari all’80% delle spese sostenute e ritenute ammissibili per l’attuazione dei piani di attività, nel limite massimo di 10.000,00 euro per start-up innovativa;
  • Pari al 100% dell’investimento nel capitale di rischio, attuato dagli attori dell’ecosistema dell’innovazione abilitati, nel limite complessivo di 30.000,00 euro per start-up innovativa.

Quando presentare domanda

Non sono ancora noti i termini e le modalità di apertura dello sportello per la presentazione delle istanze di agevolazione, che sarà gestito da Invitalia.

 

 

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
19/01/2021 Regione Emilia Romagna: Al via i Ristori per Bar e Ristoranti

Al via dal 20 gennaio 2021 le domande per i contributi a fondo perduto della Regione Emilia Romagna destinati a Bar, Ristoranti e similari, che abbiano subito un calo del fatturato medio, nel periodo ricompreso tra il 1° novembre 2020 e il 31 dicembre 2020, pari o superiore al 20% rispetto al fatturato medio dello stesso periodo del 2019.

Agevolate anche le nuove imprese, attivate dal 1° gennaio 2020 al 1° novembre 2020.

14/01/2021 Mediocredito Centrale: #Innòvati finanziamento

Le imprese delle regioni BasilicataCalabriaCampaniaPuglia e Sicilia, che hanno presentato domanda di accesso al Nuovo Bando Macchinari Innovativi possono contare su #Innòvati Finanziamento, un finanziamento agevolato fino al 25% delle spese ammissibili, complementare alla misura agevolativa gestita da Invitalia.

13/01/2021 MISE: Contributi a fondo perduto per progetti di Ricerca e Sviluppo per l'innovazione tecnologica del settore elettrico

Aperto fino al 3 marzo 2021 il Bando per progetti di ricerca del sistema elettrico nazionale del MiSe, che finanzia progetti di ricerca e7o sviluppo finalizzati all'innovazione tecnica e tecnologica del settore elettrico. Previsto un contributo a fondo perduto del 50% per le attività di ricerca industriale e del 25% per le attività di sviluppo sperimentale.