Italia

Dal 12 giugno al 12 luglio 2024 sarà possibile inviare all'Agenzia delle Entrate le comunicazioni per la fruizione del Credito d'Imposta ZES UNICA, che ricomprende i territori delle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia.

Agevolabili gli investimenti, facenti parte di un progetto di investimento realizzati dal 1° gennaio 2024 al 15 novembre 2024, relativi all'acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature varie destinati a strutture produttive già esistenti o che vengono impiantate nella ZES unica, acquisto di terreni e all'acquisizione, alla realizzazione ovvero all'ampliamento di immobili strumentali agli investimenti ed effettivamente utilizzati per l'esercizio dell'attività nella struttura produttiva.

 

Il Ministero del Turismo promuove FRI-Tur, l’incentivo che punta a migliorare i servizi di ospitalità e a potenziare le strutture ricettive, in un’ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale.

Previsto un contributo a fondo perduto del 35% unitamente ad un finanziamento agevolato.

Emanato un decreto direttoriale del MIMIT che stabilisce il contenuto e le modalità di invio dei modelli di comunicazione, che rappresentano presupposto indispensabile per la fruizione dei crediti d’imposta per investimenti in beni materiali e immateriali 4.0 e in ricerca e sviluppo, innovazione, design ed ideazione estetica.

Il Bonus Colonnine per imprese e professionisti sostiene l'acquisto e l'installazione di infrastrutture di ricarica di veicoli elettrici da parte di imprese e professionisti.

Previsto un contributo a fondo perduto che può essere concesso per un importo pari al 40% delle spese ammissibili.

Continua a leggere per scoprire le date di apertura del Bonus Colonnine per il 2024.

 

Pubblicato il Decreto Agrivoltaico innovativo dal MASE: contiene criteri e modalità per incentivare la realizzazione, entro il 30 giugno 2026, di sistemi agrivoltaici di natura sperimentale, per una potenza complessiva pari almeno a 1,04 GW ed una produzione indicativa di almeno 1.300 GWh/anno.

E' previsto un incentivo composto da:

  • un contributo in conto capitale nella misura massima del 40% dei costi ammissibili;
  • una tariffa incentivante applicata alla produzione di energia elettrica netta immessa in rete.

Nel webinar gratuito di giovedì 15 febbraio 2024, ore 11.00 parleremo con Jonathan Santini, co-founder di Esclamativa Srl e Dario Pietroforte, Sales Manager di Ap Engineering  delle modalità per acquistare macchinari innovativi e sostenibili adottando la Finanza Agevolata.

È stato pubblicato il Bando Isi Inail 2023, con cui si vuole incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro ed incentivare le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti e, in concomitanza, conseguire la riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.

Continua a leggere per scoprire le date per partecipare al Bando Isi Inail 2024

Il MASAF ha messo a disposizione 400 milioni di euro per l'ammodernamento del parco macchine attraverso la diffusione delle migliori tecnologie disponibili atte a consentire un minore impatto ambientale nel settore agricolo. L’intervento consiste nell’erogazione di un contributo a fondo perduto per l’acquisto di macchine ed attrezzature per l’agricoltura di precisione, la sostituzione di veicoli fuori strada per agricoltura e zootecnia e per l’innovazione dei sistemi di irrigazione e gestione delle acque.

Previsto un contributo a fondo perduto corrispondente:

  • all' 80% dell’importo dei costi di investimento ammissibili nel caso di giovani agricoltori;
  • al 65% dell’importo dei costi di investimento ammissibili negli altri casi.

 

Con una dote di ben 508,4 milioni di euro è stato pubblicato l'edizione 2023 del Bando ISI di INAIL.

L'incentivo, alla sua quattordicesima edizione, ha supportato il sistema produttivo erogando 3,5 miliardi di euro a fondo perduto per finanziare progetti volti al miglioramento delle condizioni della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Introdotte numerore novità, tra le quali la rimodulazione dei cinque assi di finanziamento previsti dall'incentivo.

Il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato l'Avviso con cui è regolato l’accesso ai contributi previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) per agevolare il processo di certificazione della parità di genere delle micro, piccole e medie imprese.

L’Avviso finanzia tramite contributi a fondo perduto:

  • servizi di assistenza tecnica e di accompagnamento alla certificazione della parità di genere;
  • servizi di certificazione della parità di genere.

Il MASAF ha pubblicato il Fondo per l'innovazione agricola, con cui mette a disposizione 75 milioni di euro, per sostenere la realizzazione e lo sviluppo di progetti di innovazione per incrementare la produttività nei settori dell'agricoltura, della pesca e dell'acquacoltura attraverso la diffusione delle migliori tecnologie disponibili per la gestione digitale dell'impresa, per l'utilizzo di macchine, di soluzioni robotiche, di sensoristica e di piattaforme e infrastrutture 4.0, per il risparmio dell'acqua e la riduzione dell'impiego di sostanze chimiche, nonché per l'utilizzo di sottoprodotti.

Le percentuali massime di contributo a fondo perduto variano in base all'investimento e alla tipologia di impresa.

 

Il Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica - MASE ha pubblicato il Bando riguardo il Bonus Colonnine per imprese e professionisti, per sostenere l'acquisto e l'installazione di infrastrutture di ricarica di veicoli elettrici da parte di imprese e professionisti.

Le risorse disponibili sono pari a € 87.500.000. Previsto un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese ammissibili.

 

Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT) ha pubblicato il Bando Voucher per la Consulenza in Innovazione che finanzia le imprese che acquistino consulenze specialistiche in materia di processi di trasformazione tecnologica e digitale e di processi di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi dell’impresa, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali.

Previsto un contributo a fondo perduto fino al 50% dei costi sostenuti e fino ad un massimo di contributo concedibile di 80 mila euro.

 

Il Fondo per il sostegno alla transizione industriale del MIMIT è finalizzato a favorire l’adeguamento del sistema produttivo nazionale alle politiche europee in materia di lotta ai cambiamenti climatici. All’attuazione dello sportello sono destinate risorse pari a 300 milioni di euro a valere sulle risorse del decreto. Un importo pari a 150 milioni di euro è riservato alle imprese energivore.

Domande al via dal 10 ottobre 2023 e fino al 12 dicembre 2023.

Il Bando del MIMIT, Ministero delle Imprese e del Made in Italy, sostiene la realizzazione di progetti di investimento innovativi e sostenibili, che prevedano l'utilizzo di tecnologie 4.0, da realizzarsi in unità produttive localizzate nelle regioni meno sviluppate del Mezzogiorno (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna).

Prevista la concessione di un contributo a fondo perduto unitamente ad un finanziamento agevolato che coprono fino al 75% delle spese di progetto.

Il MIMIT, Ministero delle Imprese e del Made in Italy, ha pubblicato il Bando Marchi + 2023, che finanzia con un contributo a fondo perduto le spese di deposito o registrazione e di acquisizione di servizi specialistici per la registrazione di marchi dell’Unione europea presso EUIPO e di marchi internazionali presso OMPI.

Le risorse finanziarie disponibili per l’annualità 2023 ammontano ad euro 2.000.000.

 

Il MIMIT, Ministero delle Imprese e del Made in Italy, ha pubblicato il Bando Brevetti + 2023, che finanzia, attraverso la concessione di un contributo a fondo perduto, l’acquisto di servizi specialistici finalizzati alla valorizzazione economica di un brevetto in termini di redditività, produttività e sviluppo di mercato.

Le risorse finanziarie disponibili per l'annualità 2023 ammontano ad euro 20.000.000.

Il MIMIT, Ministero delle Imprese e del Made in Italy, ha pubblicato il Bando Disegni+ 2023, che finanzia, attraverso la concessione di un contributo a fondo perduto, l’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la sua messa in produzione e/o per la sua offerta sul mercato.

Le risorse disponibili per l'annualità 2023 ammontano complessivamente a 10.000.000 €.

Il Ministero del Turismo ha stanziato euro 39.000.000,00 per sostenere le Agenzie di viaggio e i Tour Operator con sede in Italia.

I beneficiari devono aver subito una diminuzione del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2021 di almeno il 30% rispetto al fatturato e ai corrispettivi dell’anno 2019.

L'ordine temporale di presentazione delle  domande di contributo non determina alcun vantaggio né penalizzazione nell'iter di acquisizione delle stesse. Qualora il totale dei contributi teorici da erogare sia superiore all’ammontare delle risorse, si provvede all’attribuzione proporzionale delle stesse.

Competence Center CIM4.0 ha pubblicato il Bando per finanziare progetti di innovazione sostenibile e digitale di processi, prodotti, servizi delle imprese che vogliono sfruttare le tecnologie, i servizi e le infrastrutture del CIM4.0 per sviluppare il proprio progetto innovativo. 

Il Bando prevede la concessione di un contributo a fondo perduto fino al 70% delle spese ammissibili e dell'importo massimo di € 400.000,00 a progetto.

 

Ripartono i Finanziamenti Simest: gli strumenti agevolati per l’Internazionalizzazione e la digitalizzazione delle Imprese.

La gamma degli strumenti è stata aggiornata e ampliata: ai finanziamenti per l’apertura di sedi all’estero, per lo sviluppo dell’e-commerce, per la partecipazione a fiere internazionali e per l’inserimento di un Temporary Manager, si affiancano i nuovi strumenti Transizione Digitale e/o Ecologica Certificazioni e consulenze. Scopriamo le loro caratteristiche.

Il Ministero delle imprese e del Made in Italy ha riaperto la possibilità, per i soggetti che possiedono i requisiti richiesti, di iscriversi all'elenco degli Innovation Manager, mossa che lascia presagire una riapertura a breve della misura Voucher Innovation Manager, che finanzia l’acquisto, da parte delle imprese, di servizi di consulenza specialistica, volta a sostenere processi di trasformazione tecnologica e digitale, di innovazione e di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi, e di accesso ai mercati finanziari e dei capitali.

La Misura prevede la concessione di un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammesse e dell'importo massimo concedibile di € 80.000.

Pubblicato il Bando Invitalia per l'erogazione di contributi alle imprese femminili innovative ubicate nei Comuni montani che sostiene le start up innovative costituite prevalentemente da donne in forma di società di capitali, anche cooperative.

Previsto un contributo a fondo perduto del 70% delle spese ammissibili e dell'importo massimo concedibile di € 70.000, per finanziare programmi di investimento ad alto contenuto tecnologico e innovativo.

Il MASAF (Ministero dell'agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste) ha reso noto l'aggiornamento del piano del PNRR "Parco Agrisolare 2023" a sostegno fino all’80% degli investimenti per la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica solare nel settore agricolo e agroindustriale.

I contributi a fondo perduto, con una dotazione pari a 1 miliardo di euro, sono destinati all’installazione di impianti fotovoltaici sui tetti dei fabbricati agricoli.

Tra le principali novità rispetto al precedente Bando Agrisolare: aumento della spesa massima ammissibile, aumento delle intensità massime di agevolazione e possibilità di interventi senza il vincolo dell’autoconsumo.

La misura di sostegno di Simest si rivolge alle imprese italiane esportatrici che hanno realizzato un fatturato export medio nel biennio 2020-2021 derivante da esportazioni dirette verso Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia pari ad almeno il 10% rispetto al fatturato estero totale, ed hanno subito una flessione dei ricavi da tali aree a seguito del conflitto.

Previsto un contributo a fondo perduto fino al 40% dell’intervento agevolativo complessivo, nei limiti di € 2.000.000 di agevolazione, unitamente ad un finanziamento a tasso zero fino a € 2.500.000, in funzione della classe di scoring, e comunque non superiore al 25% dei ricavi medi risultati dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa.

Filtra per