Regione Emilia Romagna: Contributi a fondo perduto per start up innovative

Pubblicato il Bando per il sostegno allo sviluppo delle start up innovative della Regione Emilia Romagna che finanzia progetti finalizzati alla realizzazione di piani imprenditoriali di investimento per lo sviluppo e la commercializzazione di nuovi prodotti, servizi e modelli di business.

Quale contributo prevede il Bando start up innovative della Regione Emilia Romagna?

Il Bando prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, nella forma del conto capitale, fino al 40% della spesa ammissibile e per un importo non superiore a euro 150.000.
La misura del contributo è incrementata del:

  • a) 10%, nel caso in cui i progetti proposti prevedano l’assunzione di almeno una persona con contratto a tempo indeterminato, a tempo pieno e stabilmente collocata nell’unità locale nella quale si realizza il progetto;
  • b) 5%:
  • qualora l’attività di impresa del richiedente sia caratterizzata dalla rilevanza della presenza femminile e/o giovanile in termini di partecipazione finanziaria al capitale sociale,

OPPURE

  • nel caso in cui i soggetti proponenti i progetti operino, con riferimento alle unità locali dove si realizza l’intervento, nelle Aree Montane;

OPPURE

  • nelle Aree Interne;

OPPURE

  • nel caso in cui i soggetti proponenti i progetti operino, con riferimento alle unità locali dove si realizza l’intervento, nelle aree dell’Emilia-Romagna comprese nella carta nazionale degli aiuti di stato a finalità regionale approvata dalla Commissione Europea.

La liquidazione del contributo avverrà in soluzione unica a saldo.

Quali progetti finanzia il Bando start up innovative della Regione Emilia Romagna?

Il Bando finanzia progetti finalizzati alla realizzazione di piani imprenditoriali di investimento per lo sviluppo e la commercializzazione di nuovi prodotti, servizi e modelli di business.
L’investimento complessivo per la realizzazione dei progetti dovrà avere una dimensione finanziaria non inferiore a 100.000 euro, ridotta a 50.000 euro per le Industrie culturali e creative e Innovazione nei servizi.

In particolare, i progetti:

  • dovranno essere realizzati in una unità locale del proponente situata nel territorio dell’Emilia-Romagna regolarmente iscritta presso la CCIAA di competenza;
  • dovranno essere basati su una soluzione innovativa da proporre al mercato già individuata al momento della presentazione della domanda di agevolazione, con un chiaro impatto in termini di sostenibilità;
  • dovranno prevedere uno o più tra i seguenti interventi:
  • sviluppo produttivo di risultati di ricerca o di soluzioni tecnologiche derivanti da una o più tecnologie abilitanti;
  • messa a punto del modello di business;
  • adattamento di prodotti/servizi alle esigenze di potenziali clienti;
  • ingegnerizzazione di prototipi e piani di sviluppo industriale (scale-up);
  • apertura e/o sviluppo di mercati esteri;
  • dovranno prevedere l'impegno diretto dei soci dell'impresa proponente e/o di un team, dotati di capacità tecniche e gestionali adeguate, in termini di apporto tecnologico e lavorativo.

È prevista la possibilità di accompagnare i progetti con una relazione di supporto effettuata da un “soggetto accompagnatore” con cui la startup sia entrata in relazione negli ultimi 2 anni, in particolare si fa riferimento a:

  • a incubatori certificati di start up innovative;

OPPURE

  • a incubatori e acceleratori (pubblici, privati, corporate, universitari, italiani ed esteri, ecc.) ovvero organizzazioni che accelerano e rendono sistematico il processo di creazione di nuove imprese innovative, fornendo loro servizi di supporto integratiI.

Quali spese finanzia il Bando start up innovative della Regione Emilia Romagna?

Il Bando finanzia le seguenti spese:

  • A. Acquisto o locazione /leasing di impianti e macchinari, acquisto e licenze di utilizzo di titoli di brevetti e di software. Per quanto riguarda l’acquisto di beni usati, essi sono ammissibili solo se accompagnati da relativa perizia sottoscritta da un tecnico competente. L’acquisto dovrà essere valorizzato secondo i principi dell’ammortamento (non è permesso la valorizzazione secondo l’iper-ammortamento e il super ammortamento). In caso di leasing o locazione, tali spese sono ammissibili limitatamente ai canoni inerenti il periodo del progetto (la spesa effettivamente agevolabile è rappresentata dai canoni di locazione/leasing, limitatamente alla quota capitale, pagati dall'utilizzatore al concedente a partire dalla data iniziale di ammissibilità della spesa ed entro la data di presentazione della rendicontazione);
  • B. Affitto/noleggio laboratori ed attrezzature scientifiche;
  • C. Consulenze per progettazione, sviluppo, personalizzazione, collaudo e certificazione di soluzioni innovative, temporary management, supporto alla redazione del business plan, supporto ad analisi strategiche di mercato, supporto allo sviluppo di un piano industriale, supporto allo sviluppo di un piano di internazionalizzazione, collaborazioni a vario titolo, consulenze specialistiche;
  • D. Spese promozionali, per un importo massimo di 15.000 euro esclusi i rimborsi per spese di vitto, viaggio e alloggio, i costi per gadget e oggettistica uso gadget, l’ingaggio di hostess, promoter o standisti;
  • E. Costi per personale dipendente. Sono ricompresi i soci purché rendicontati con contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato (massimo 10% del totale delle voci di costo A, B, C, D;
  • F. Spese generali, calcolate nella misura forfettaria del 5% del totale delle voci di spesa A, B, C, D, E.

Le spese dovranno essere riferite al periodo intercorrente tra la data di presentazione della domanda e il 31/12/2023.

Chi può beneficiare del contributo previsto dal Bando start up innovative della Regione Emilia Romagna?

Possono presentare domanda per beneficiare del contributo previsto dal Bando le imprese che possiedono le dimensioni di micro o piccola impresa.
Le imprese devono possedere, alla data della domanda, i seguenti requisiti soggettivi di ammissibilità:

  • devono essere regolarmente costituite;
  • debbono possedere l’unità locale in cui realizzano il progetto nel territorio della regione Emilia-Romagna. Qualora, al momento della presentazione della domanda, non risulti operativa una unità locale situata in Emilia-Romagna, dovrà risultare l’operatività della stessa entro 60 giorni dalla comunicazione di concessione del contributo, pena la revoca del contributo;
  • devono risultare registrate nella Sezione speciale del Registro delle Imprese dedicata alle start up innovative;
  • non devono risultare beneficiarie all’atto della domanda di un contributo a valere sul bando “AZIONE 1.4.1 DEL POR-FESR 2014/2020. BANDO PER L'ATTRAZIONE E ILCONSOLIDAMENTO DI START UP INNOVATIVE” approvato con DGR 818 del 31/05/2021.

Sono escluse le imprese agricole.

Quando presentare domanda per il contributo previsto dal Bando start up innovative della Regione Emilia Romagna?

Sarà possibile presentare domanda di contributo, esclusivamente in modalità telematica, dalle ore 13.00 del 17 gennaio 2023 alle ore 13.00 del 17 febbraio 2023.

 
Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
07/12/2022 Contributi a fondo perduto per il sostegno dei settori culturali e creativi

Il Ministero della Cultura ha pubblicato il Bando Tocc finalizzato al rilacio dei settori culturali e creativi attraverso la concessione di un contributo a fondo perduto dell'80% delle spese agevolate e dell'importo massimo concedibile di 75.000 euro.

Finanziate micro e piccole imprese, associazioni, fondazioni ed enti del terzo settore che presentino progetti del valore di almeno 100.000 euro.

 

21/11/2022 Contributi a fondo perduto per le imprese danneggiate dalla crisi ucraina

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha finanziato con 120 milioni di euro il Fondo per il sostegno alle imprese danneggiate dalla crisi ucraina, che porevede un contributo a fondo perduto a favore delle piccole e medie imprese nazionali che hanno subito ripercussioni economiche negative derivanti dalla crisi internazionale in Ucraina.

Domande di contributo al via dal 30 novembre 2022.

21/11/2022 Contributi a fondo perduto per l'innovazione tecnologica per migliorare la salute e sicurezza sul lavoro

Pubblicato il Bando Bit - Bando Innovazione Tecnologica che nasce dalla collaborazione tra INAIL e ARTES 4.0, centro di competenza. La misura intende incentivare, attraverso un contributo a fondo perduto del 50% delle spese ammissibili, le imprese che realizzino progetti di innovazione, ricerca industriale e di sviluppo sperimentale finalizzati ad un sensibile miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori tramite l’utilizzo delle tecnologie Impresa 4.0.