Brexit: Contributi a fondo perduto alle imprese per contrastare gli impatti negativi

L’Agenzia per la Coesione Territoriale ha emanato un avviso pubblico per l’erogazione di sostegno finanziario alle imprese danneggiate dagli impatti negativi generati dal recesso del Regno Unito dall’Unione Europea.

Finanziato dalla Riserva di Adeguamento alla Brexit (BAR), uno “strumento speciale di emergenza una tantum” finalizzato a contrastare le conseguenze economiche, sociali, territoriali e ambientali della Brexit negli Stati membri, l’Avviso destina alle imprese 112 milioni di euro a fondo perduto fino al 100% delle spese sostenute nei limiti del regolamento de minimis.

Quale contributo prevede l'Avviso pubblico per le imprese colpite dalla Brexit?

Contributo a fondo perduto fino al 100% delle spese sostenute nei limiti del regolamento de minimis a causa dei danni provocati dalla Brexit.

Quali spese finanzia l'Avviso pubblico per le imprese colpite dalla Brexit?

Sono ammissibili le spese relative alle seguenti voci di investimento:

  • a) costi del personale;
  • b) spese di viaggio (es. biglietti aerei, treni…)
  • c) spese di soggiorno (es. assicurazioni di viaggio, vitto, soggiorni, visti, …);
  • d) costi per consulenze e servizi esterni (es. studi, formazione, sistemi informatici, creazione, modifiche e aggiornamenti di siti web, attività di promozione, comunicazione, pubblicità o informazione collegate all’iniziativa, altre consulenze e servizi specifici necessari, verifiche tecniche …);
  • e) spese per attrezzature (hardware e software, strumenti e macchinari, attrezzi o dispositivi);
  • f) spese per infrastrutture;
  • g) spese generali, d’ufficio e amministrative (es. canoni, utenze, forniture per ufficio, manutenzione, pulizia ...), calcolate su base forfettaria fino al 7% dei costi diretti ammissibili.

Per l’acquisto o l’utilizzo di beni ad utilità pluriennale sono ammesse al finanziamento soltanto le spese effettivamente sostenute dal 1° gennaio 2020 fino alla presentazione della Proposta di finanziamento.

Chi può beneficiare delle agevolazioni previste dall’Avviso pubblico per le imprese colpite dalla Brexit?

I Beneficiari della misura sono le imprese private, iscritte nel Registro delle Imprese, che abbiano subìto danni a seguito della Brexit REG (UE) 2021/1755.

Quando è possibile presentare la domanda per i contributi previsti dall'Avviso per le imprese colpite dalla Brexit?

Le domande di partecipazione devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, fino alle ore 12.00 del 12 luglio 2023.

Il sostegno è erogato in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande ritenute ammissibili.

Per ulteriori informazioni contattaci allo 059/362285 oppure scrivi a info@esclamativa.it

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
Esclamativa 09/07/2024 WEBINAR GRATUITO: Bando Strategie Innovative di Internazionalizzazione

Partecipa al nostro webinar il 18 luglio dalle 16:00 alle 17:30! Scopri come accedere ai finanziamenti del bando "Strategie Innovative di Internazionalizzazione" della Regione Marche. Con relatori esperti da Esclamativa, ESC Agency e Geocom Italia, imparerai le migliori strategie per espandere la tua impresa a livello internazionale. Non perdere questa opportunità unica! Iscriviti ora per assicurarti il tuo posto.

Esclamativa 09/07/2024 Ministero del Turismo: Fondo Turismo Sostenibile

Aperto fino al 31 luglio 2024 il Fondo Turismo Sostenibile, strumento agevolativo del Ministero del Turismo, che finanzia progetti di investimento orientati alla promozione dell’ecoturismo e del turismo sostenibile.

Prevista la concessione di un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese agevolabili e del massimo concedibile di 300.000 euro.

Esclamativa 05/07/2024 Regione Piemonte: Contributi a fondo perduto per la digitalizzazione

La Regione Piemonte ed Unioncamere Piemonte hanno promosso il Bando Voucher Digitalizzazione PMI, finalizzato a finanziare, a fondo perduto, progetti di transizione digitale delle imprese piemontesi.

Prevista la concessione di un contributo a fondo perduto fino ad un massimo di 25.000 euro. La percentuale delle spese agevolate varia in funzione della dimensione d'impresa.