Bando E-commerce per i mercati internazionali 2021: contributi a fondo perduto per le imprese mantovane

La Camera di Commercio di Mantova ha pubblicato il Bando E-commerce per i mercati internazionali 2021 al fine di favorire l'internazionalizzazione delle micro, piccole e medie imprese mantovane, attraverso il finanziamento dell'apertura e/o del consolidamento di canali di vendita online tramite sistemi di e-commerce proprietari (siti e/o app mobile).

Quale contributo prevede il Bando E-commerce per i mercati internazionali 2021?

Il bando  prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, cioè un contributo che non dovrà essere restituito all'ente che lo eroga.

Il contributo ammonta al 50% delle spese ammesse dal bando ma non potrà in ogni caso superare la somma di 5.000 euro.

Per spese "ammesse" si intendono le spese rientranti nelle tipologie specificate dal bando; le spese che non rientrano in tali tipologie non sono ammissibili a contributo.

Quindi, per fare un esempio, qualora il soggetto che richiede il contributo effettui più di 10.000 euro di spese ammesse, il contributo rimarrà comunque dell'importo massimo di 5.000 euro.

Cosa finanzia il Bando E-commerce per i mercati internazionali 2021?

Il Bando E-commerce per i mercati internazionali 2021 finanzia l'apertura e/o il consolidamento del proprio canale di vendita online, tramite sistemi di e-commerce proprietari (siti e/o app mobile).

In caso di concessione del contributo richiesto, al momento della rendicontazione delle spese sostenute per la realizzazione del progetto presentato, il sito e-commerce dovrà.

  •  essere tradotto in almeno una lingua straniera;
  • essere online;
  • consentire transazioni commerciali tra l’azienda e acquirenti finali esteri.

Inoltre l' importo minimo dell’investimento deve essere pari o superiore a 3.000,00 euro IVA esclusa.

Quali sono le spese ammissibili per il Bando E-commerce per i mercati internazionali 2021?

Il Bando E-commerce agevola, attraverso la concessione di un contributo a fondo perduto, solamente le spese indicate nel Bando che sono le seguenti:

 

  • a) consulenza per la verifica e per l’analisi del posizionamento online, studi di mercato e valutazione dei competitor;
  • b) analisi di fattibilità del progetto, con particolare riferimento alle esigenze di adeguamento amministrativo, organizzativo, formativo, logistico, di acquisizione di strumenti e servizi;
  • c) progettazione sviluppo e/o manutenzione di sistemi e-commerce proprietari (siti e/o app mobile);
  • d) realizzazione di contenuti digitali del canale di e-commerce, con specifico riferimento al portafoglio prodotti e ai mercati di destinazione (ad esempio: predisposizione di schede prodotto, tutorial, gallery fotografiche, webinar);
  • e) organizzazione di interventi specifici di formazione del personale;
  • f) acquisizione ed utilizzo di forme di smart payment;
  • g) traduzione del canale di e-commerce in lingua straniera;
  • h) acquisto di software, licenze software e spese per canoni e utenze per la durata massima di 12 mesi e strettamente necessari alla realizzazione del progetto;
  • i) predisposizione alla creazione di offerte digitali personalizzate sul cliente tramite Intelligenza Artificiale e Machine Learning;
  • j) sostegno al posizionamento dell’offerta sui canali commerciali digitali prescelti verso i mercati internazionali selezionati (SEO);
  • k) automatizzazione delle operazioni di trasferimento, aggiornamento e gestione degli articoli da e verso il web (API – Application Programming Interface);
  • l) raccordo tra le funzionalità operative del canale digitale di vendita e i propri sistemi CRM;
  • m) protezione e/o registrazione dei marchi e/o degli articoli compresi nel portafoglio prodotti nei mercati esteri di destinazione;
  • n) campagna digital marketing ed attività di promozione, nel limite massimo del 20% del totale delle spese di progetto.

Inoltre è necessario che le spese ammissibili elencate sopra siano: 

  • intestate direttamente al soggetto beneficiario;
  • relative a fatture emesse a partire dal 12/10/2021 sino al 31/03/2022 e quietanzate entro il 31/03/2022;
  • comprovate da fatture elettroniche in formato PDF, interamente quietanzate ed emesse dal fornitore dei beni/servizi, riportanti la seguente dicitura: “spesa sostenuta a valere sul Bando E- Commerce per i Mercati Internazionali 2021”;
  • comprovate da documentazione bancaria, comprensiva di estratto conto bancario, che attesti il pagamento per intero del titolo di spesa esclusivamente da parte del soggetto beneficiario.

Chi può presentare domanda di contributo per il Bando E-commerce per i mercati internazionali 2021?

Possono presentare domanda per richiedere il contributo a fondo preduto previsto dal Bando E-commerce per i mercati internazionali 2021 le micro, piccole e medie imprese, anche in forma di impresa cooperativa, che abbiano i seguenti requisiti:

 

  • a) essere micro, piccola o media impresa;
  • b) essere iscritte e attive al Registro Imprese della Camera di Commercio di Mantova;
  • c) avere sede legale e/o unità locale in provincia di Mantova, come da visura camerale;
  • d) essere in regola con il pagamento del diritto annuale;
  • e) essere in regola con il versamento dei contributi previdenziali, assistenziali e assicurativi dei dipendenti (DURC regolare);
  • f) non trovarsi in nessuna delle situazioni ostative relative agli aiuti di Stato dichiarati incompatibili dalla Commissione europea;
  • g) non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;
  • h) non fornire beni e servizi a favore dell’Ente camerale, anche a titolo gratuito, secondo quanto previsto dall’art. 4, comma 6 del D.L. 95/20123 convertito nella Legge 7/08/2012.

​Le imprese devono possedere i requisiti sopra elencati dal momento della presentazione della domanda e fino all’erogazione del contributo.

Sono escluse dai benefici previsti dal Bando E-commerce 2021:

  • le imprese che hanno già beneficiato di contributi a valere sul Bando “E-commerce 2021” promosso da Regione Lombardia e Sistema camerale lombardo nell’ambito dell’Accordo di Programma;
  • le aziende pubbliche e le imprese il cui capitale sociale è detenuto per più del 25% da Enti o Aziende pubbliche.

Quando si deve presentare la domanda di contributo per il Bando E-commerce per i mercati internazionali 2021?

Le domande di contributo devono essere presentate, a partire dalle ore 9:00 del 25/10/2021 fino alle ore 12:00 del 15/11/2021.


La verifica formale dei progetti presentati e l’ammissione al contributo avverranno secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande, fino a totale esaurimento della dotazione finanziaria.

Ciò significa che non è detto che il bando rimanga aperto fino alla data del 15 novembre 2021 ma potrebbe chiudere prima e quindi è fondamentale che le aziende interessate contattino Esclamativa il prima possibile!

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
24/05/2022 Provincia autonoma di Trento: contributi a fondo perduto per innovazione di processo produttivo

Dalla Provincia autonoma di Trento un bando che finanzia progetti finalizzati alla trasformazione di un processo produttivo esistente e/o all’introduzione di un nuovo processo produttivo. 

Previsto un contributo a fondo perduto fino a 250.000 euro in favore delle imprese trentine.

13/05/2022 Unioncamere Lombardia: Bando voucher digitali I4.0 - avanzato

Aprirà il 17 maggio 2022 il Bando voucher digitali I4.0 di Unioncamere Lombardia che finanzia con un contributo a fondo perduto del 50% delle spese e dell'importo massimo di 25.000 euro per l'acquisto servizi consulenza e/o formazione relativa alle tecnologie I4.0 previste dal bando e investimenti in attrezzature tecnologiche e programmi informatici necessari alla realizzazione del progetto.

 

 

10/05/2022 Credito d'imposta formazione 4.0: aumentate e aliquote del bonus che finanzia la formazione del personale sulle tecnologie abilitanti

Aumentae le aliquote del credito d’imposta previsto dalla legge n. 160/2019 per le spese di formazione del personale dipendente finalizzate all’acquisizione o al consolidamento delle competenze tecnologiche sono aumentate dal 50 al 70% (per le piccole imprese) e dal 40 al 50% (per le medie imprese).