CCIAA Vicenza: Contributi a fondo perduto per l'internazionalizzazione delle imprese vicentine

 

La Camera di commercio di Vicenza ha pubblicato il Bando internazionalizzazione - Anno 2021 al fine di perseguire i seguenti obiettivi:

  • Sostenere il ricorso a servizi o soluzioni finalizzate ad avviare o rafforzare la presenza all’estero delle imprese vicentine, attraverso l’analisi, la progettazione, la gestione e la realizzazione di iniziative sui mercati internazionali;
  • Favorire interventi funzionali alla continuità operativa delle attività commerciali sull’estero da parte delle imprese durante la ripartenza nella fase post-emergenziale;
  • Incrementare la consapevolezza e l’utilizzo delle possibili soluzioni offerte dal digitale a sostegno dell’export da parte delle imprese, in particolare lo sviluppo di iniziative di promozione e commercializzazione digitale.

Chi può richiedere il contributo a fondo perduto 

Possono beneficiare delle agevolazioni previste dal bando le imprese attive che esercitano una delle seguenti attività:

  • C – ATTIVITÀ MANIFATTURIERE, con esclusione del codice 10.2 «Lavorazione e conservazione di pesce, crostacei e molluschi»
  • D - FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ARIA CONDIZIONATA
  • E - FORNITURA DI ACQUA; RETI FOGNARIE, ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI E RISANAMENTO
  • F – COSTRUZIONI
  • G - COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI, con esclusione dei codici 46.38.1 «Commercio all'ingrosso di prodotti della pesca freschi» e 46.38.2 «Commercio all'ingrosso di prodotti della pesca congelati, surgelati, conservati, secchi»
  • H - TRASPORTO E MAGAZZINAGGIO
  • I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE
  • J - SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE
  • M - ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE
  • N - NOLEGGIO, AGENZIE DI VIAGGIO, SERVIZI DI SUPPORTO ALLE IMPRESE
  • R - ATTIVITÀ ARTISTICHE, SPORTIVE, DI INTRATTENIMENTO E DIVERTIMENTO.

Le imprese devono svolgere una delle suddette attività presso la sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Vicenza ed essere in regola con il pagamento del diritto annuale.

Nel caso delle imprese che non abbiano sede e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera e/o che non siano in regola con il pagamento del diritto annuale al momento della domanda è sufficiente una dichiarazione, sottoscritta dal Legale rappresentante, nella quale esse si impegnano ad ottenere le condizioni di regolarità prima della liquidazione del contributo.

Sono escluse dal presente Bando le imprese che hanno ricevuto il contributo relativo al Bando Internazionalizzazione 2020 (20IN) della Camera di Commercio di Vicenza.

Cosa finanzia il contributo a fondo perduto 

Sono considerate ammissibili le spese, dettagliate in fattura, sostenute e interamente pagate nel periodo che decorre dal 1° gennaio 2021 fino al 31 gennaio 2022.
Le spese ammissibili riguardano servizi di consulenza/assistenza finalizzati a:

Pianificazione promozionale

  • Azioni promozionali, di comunicazione e di advertising sui mercati internazionali;
  • Attività di ricerca di operatori / partner esteri per l’organizzazione di incontri promozionali;
  • Realizzazione di attività ex-ante ed ex-post rispetto a quelle di promozione commerciale, quali: analisi e ricerche di mercato, per la predisposizione di studi di fattibilità inerenti a specifici mercati di sbocco; ricerca clienti/partner, per stipulare contratti commerciali o accordi di collaborazione; servizi di follow-up successivi alla partecipazione, per finalizzare i contatti di affari.

Percorsi di rafforzamento della presenza all’estero

  • Servizi di analisi e orientamento specialistico per facilitare l’accesso e il radicamento sui mercati esteri e/o per individuare nuovi canali di accesso;
  • Elaborazione di piani per l’internazionalizzazione, di piani di marketing e di penetrazione commerciale nei mercati esteri;
  • Ideazione, elaborazione e realizzazione di brand per specifici mercati di sbocco;
  • Realizzazione di studi di fattibilità e analisi per lo sviluppo di reti commerciali, distributive o di assistenza post-vendita all’estero;
  • Attività di ricerca operatori / partner esteri e assistenza per l’inserimento dell’impresa o l’ampliamento della presenza della stessa sui mercati esteri;
  • Attività di assistenza per il supporto decisionale in tema di alleanze, fusioni o acquisizioni di imprese estere;
  • Ricerche / scouting di mercato, ricerca clienti/distributori, presidi commerciali all’estero, nonché azioni di sostegno allo sviluppo di materiale di comunicazione necessario per migliorare la presentazione aziendale verso i potenziali partner internazionali;
  • Partecipazione a eventi, diversi da quelli fieristici, con finalità commerciali all’estero o internazionali in Italia.

Supporto normativo e contrattuale esclusivamente finalizzato a facilitare un percorso di rafforzamento della presenza all'estero

  • Supporto nello studio e nella redazione di contrattualistica internazionale;
  • Ottenimento o rinnovo delle certificazioni di prodotto necessarie all’esportazione nei Paesi esteri o a sfruttare determinati canali commerciali (es. GDO);
  • Protezione del marchio e/o dei brevetti dell’impresa all’estero;
  • Analisi degli aspetti legati alla fiscalità, aspetti tecnici doganali, aspetti legislativi, giuridici e procedurali connessi all’import/export inerenti a specifici mercati/paesi esteri.

Sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero basati sulle tecnologie digitali

  • Realizzazione di «virtual matchmaking», ovvero lo sviluppo di percorsi (individuali o collettivi) di incontri d’affari e B2B virtuali (o in presenza laddove possibile) tra buyer internazionali e operatori nazionali, anche in preparazione a un’eventuale attività di incoming e outgoing futura; le spese comprendono anche la quota di partecipazione/iscrizione, i servizi di interpretariato e hostess, e le spese per l’eventuale trasporto del prodotto (compresa l’assicurazione);
  • Avvio e sviluppo della gestione di business on line, attraverso l’utilizzo e il corretto posizionamento su piattaforme / marketplace / sistemi di smart payment internazionali;
  • Progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei contenuti del sito internet e della presentazione dell’impresa, ai fini dello sviluppo di attività di promozione a distanza;
  • Realizzazione di campagne di marketing digitale o di vetrine digitali in lingua estera per favorire le attività di e-commerce.

Affiancamento specialistico

  • Sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo in impresa di Temporary Export Manager (TEM).

Quali sono i fornitori abilitati

I fornitori abilitati ad erogare i servizi ammissibili possono essere:

  • a) Imprese, enti, professionisti registrati e pubblicati nella sezione «Catalogo dei fornitori» sezione Internazionalizzazione del portale «Innoveneto.org»;
  • b) per i servizi TEM, può trattarsi di un professionista messo a disposizione da una società di Temporary Export Manager iscritta in elenchi tenuti da Enti e Agenzie pubbliche (a titolo esemplificativo Ministero dello Sviluppo Economico, Invitalia, SIMEST).

Si specifica che:

  • il fornitore deve avere sede legale in uno degli Stati membri dell’Unione Europea;
  • i requisiti che i fornitori devono possedere devono sussistere almeno alla data in cui viene inviata la rendicontazione, pena l’esclusione della relativa documentazione di spesa da quelle ammissibili a contributo. 

Misura del contributo a fondo perduto 

Il bando prevede la concessione di un contributo a fondo perduto di € 2.000 su una spesa minima di € 4.000. Non è previsto un limite massimo per i costi sostenuti dall’impresa.
Alle imprese in possesso del rating di legalità sono attribuiti ulteriori € 200 che si sommano al contributo spettante.

Quando presentare domanda

Le domande di contributo devono essere trasmesse, esclusivamente in modalità telematica, dalle ore 10:00 del 20 luglio 2021 alle ore 21:00 del 21 settembre 2021.
L’ ordine di precedenza in graduatoria delle domande di contributo è determinato dalla data di spedizione della pratica telematica.
In caso di esaurimento delle risorse economiche a disposizione, la Camera di Commercio di Vicenza procederà alla chiusura anticipata del bando.

 

 

 

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
13/02/2024 Regione Lombardia: pubblicato il bando aggiornato della Linea Green

La Regione Lombardia ha pubblicato il bando aggiornato della Linea Green per adeguamento alle condizioni piu' favorevoli introdotte dal regolamento (UE) n. 2831/2023.

La Linea Green intende agevolare gli investimenti dedicati all’efficientamento energetico degli impianti produttivi delle imprese per favorire la riduzione dell’impatto ambientale dei propri sistemi produttivi, sia attraverso la riduzione dei consumi energetici che attraverso il recupero di energia e/o la cattura dei gas serra dai cicli produttivi.

La domanda di partecipazione al bando può essere presentata a partire dalle ore 10:30 del 7 febbraio 2024.

13/02/2024 Regione Lombardia: pubblicato il bando aggiornato della Linea Sviluppo Aziendale

LRegione Lombardia ha pubblicato il bando aggiornato della Linea Sviluppo Aziendale per adeguamento alle condizioni piu' favorevoli introdotte dal regolamento (UE) n. 2831/2023.

La Linea Sviluppo Aziendale intende agevolare gli investimenti delle PMI e delle imprese a media capitalizzazione (MidCap) per favorire il rafforzamento della loro flessibilità produttiva ed organizzativa, anche in ottica di crescita dimensionale, e il potenziamento della relativa resilienza agli shock endogeni ed esogeni, con particolare riferimento al ricorso alle nuove tecnologie digitali.

La domanda di partecipazione al bando può essere presentata a partire dalle ore 10:30 del 7 febbraio 2024.

12/02/2024 Regione Friuli Venezia Giulia: contributi per favorire la trasformazione digitale nelle imprese

Con questo Bando, la Regione Friuli Venezia Giulia sostiene la realizzazione sul proprio territorio di progetti di investimento digitale nelle imprese che valorizzano lo sviluppo delle tecnologie e l'innovazione, mediante la concessione di contributi a fondo perduto. 

Previsto un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili. ​Il limite massimo del contributo per investimenti digitali concedibile per progetto è pari a 250.000 euro.