Manovra 2018: tutte le novità su INDUSTRIA 4.0

La nuova manovra 2018 proroga gli incentivi agli investimenti, prevedendo diverse misure che si iscrivono al capitolo Industria 4.0, in particolare: 
  • il superammortamento resta in vigore ma scende dal 140% al 130% e sono esclusi dalla misura gli investimenti in veicoli e gli altri mezzi di trasporto;
  • l’iperammortamento rimane invece al 250%.
Rifinanziata anche la nuova Sabatini per gli investimenti in macchinari delle Pmi. Viene inoltre rifinanziata per 330 milioni di euro nel periodo 2018-2023 la cosiddetta Nuova Sabatini per finanziamenti agevolati alle Pmi per investimenti in nuovi macchinari, impianti e attrezzature, con una riserva del 30% per gli investimenti “Industria 4.0”.
Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
29/07/2021 Comune di Carpi: Contributi a fondo perduto per l'apertura di nuove attività nel centro storico

Con l'intento di sostenere l'economia locale e contribuire alla riduzione di immobili sfitti o non utilizzati, il Comune di Carpi ha pubblicato un bando per la concessione di contributi a fondo perduto per l’avvio di nuove attività commerciali, artigianali e professionali. Previsto un contributo a fondo perduto dell'importo massimo di 15.000 euro. 

29/07/2021 Regione Lombardia: Contributi per abbattimento interessi sui finanziamenti per liquidità e investimenti

Pubblicato dalla Regione Lombardia il Bando FAiCREDITO Rilancio 2021, finalizzato al miglioramento delle condizioni di accesso al credito da parte delle MPMI attraverso la concessione di contributi a fondo perduto, fino a 10.000 euro, per l’abbattimento tassi, sia su finanziamenti per la liquidità, sia su finanziamenti per investimenti.

22/07/2021 Regione Emilia Romagna: Fondo per l’imprenditoria femminile e women new deal

Sarà operativo dopo l'estate il fondo della Regione Emilia Romagna finalizzato a sostenere, con un contributo a fondo perduto fino a 30.000 euro, le micro e piccole imprese femminili, anche in forma associata, e le singole partite Iva che operano sul territorio regionale da non più di cinque anni.