231 MOG

Il D.Lgs. 231/2001 ha introdotto nel nostro sistema legislativo la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche derivante da reato. Ciò significa che, oltre alle persone fisiche, anche le società rispondono in proprio davanti al giudice penale nel caso venga accertato un reato commesso da amministratori, manager, dipendenti, partner o collaboratori, nell'interesse o a vantaggio, anche solo potenziale, della società.
 
La società ha la facoltà di ridurre fortemente la possibilità di incorrere nei reati previsti dal D.Lgs. 231/2001 adottando al suo interno un adeguato sistema di prevenzione e protezione, che consiste in un sistema di controllo e vigilanza di tutte le procedure aziendali denominato Modello di Organizzazione e Gestione (MOG).
 
Con l’adozione di un MOG 231 l’azienda può dimostrare la propria “buona fede” e che i reati commessi dai propri collaboratori sono stati perpetrati in violazione palese delle regole interne, stabilite dal MOG aziendale.
Esclamativa ha individuato 4 distinte fasi di intervento sul Modello Organizzativo ExDlgs 231/2001, volte e sviluppare assieme ai referenti delle aree funzionali dell’azienda:
News & Eventi
04/08/2022 CCIAA di Ravenna: contributi a fondo perduto per investimenti in digitalizzazione

Prenderà il via il prossimo 27 settembre l'edizione 2022 del Bando voucher digitali I4.0 della Camera di commercio di Ravenna.

La misura finanzia attraverso la concessione di un voucher gli investimenti delle imprese della provincia di Ravenna che prevedono l'introduzione in azienda di tecnologie industria 4.0.

Previsto un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili e dell'importo massimo concedibile di 4.000 euro.

04/08/2022 CCIAA di Ferrara: contributi a fondo perduto per investimenti in digitalizzazione

Prenderà il via il prossimo 27 settembre l'edizione 2022 del Bando voucher digitali I4.0 della Camera di commercio di Ferrara.

La misura finanzia attraverso la concessione di un voucher gli investimenti delle imprese della provincia di Ferrara che prevedono l'introduzione in azienda di tecnologie industria 4.0.

Previsto un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili e dell'importo massimo concedibile di 4.000 euro.

01/08/2022 CCIAA di Ravenna: contributi a fondo perduto per certificazioni ambientali, sociali e di parità di genere

Per le imprese di Ravenna e provincia un contributo a fondo del 50% delle spese ammesse e dell'importo massimo concedibile di 2.500 euro.

Finanziate le spese per la formazione del personale, per consulenze specialistiche e per certificazione, registrazione o rilascio della concessione del marchio ecologico.