Nuove Imprese a Tasso Zero: Come cambiano le regole

Il Mise ha modificato la disciplina di attuazione relativa alla misura Nuove Imprese a Tasso 0, finalizzata al sostegno dell'autoimprenditorialità giovanile e femminile.

Chi sono i beneficiari

Possono beneficiare degli incentivi previsti dalla misura Nuove Imprese a Tasso 0 le micro e piccole imprese:

  • Costituite, in forma societariada non più di sessanta mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione;
  • In cui la compagine societaria sia composta, per oltre la metà numerica dei soci e di quote di partecipazione, da soggetti di età compresa tra i diciotto ed i trentacinque anni ovvero da donne.

Quali sono gli interventi ammissibili

Sono agevolabili gli investimenti, realizzati su tutto il territorio nazionale, promossi dai seguenti settori:

  • Produzione di beni nei settori dell'industria, dell'artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli, ivi inclusi quelli afferenti all'innovazione sociale, intesa come produzione di beni che creano nuove relazioni sociali ovvero soddisfano nuovi bisogni sociali, anche attraverso soluzioni innovative;
  • Fornitura di servizi alle imprese e/o alle persone, ivi compresi quelli afferenti all'innovazione sociale;
  • Commercio di beni e servizi;
  • Turismo, ivi incluse le attività turistico-culturali finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché le attività volte al miglioramento dei servizi per la ricettività e l'accoglienza.

I programmi di investimento agevolabili devono essere finalizzati:

  • Alla realizzazione di nuove iniziative imprenditoriali o allo sviluppo di attività esistenti per le imprese costituite da non più di 36 mesi;
  • Alla realizzazione di nuove unità produttive ovvero al consolidamento ed allo sviluppo di attività esistenti attraverso l’ampliamento dell’attività, la diversificazione della produzione mediante prodotti nuovi aggiuntivi o la trasformazione radicale del processo produttivo per le imprese costituite da più di 36 mesi.

In caso di iniziative promosse da imprese costituite da non più di trentasei mesi sono ammissibili progetti che prevedano un importo di spesa non superiore a 1,5 milioni di euro e il finanziamento può coprire fino al 75% della spesa; per le imprese costituite da almeno trentasei mesi e da non oltre sessanta mesi la soglia sale invece a 3 milioni a euro, con l'intensità dell'aiuto che arriva a un massimo del 90%.

I finanziamenti possono avere una durata massima di dieci anni e devono essere restituiti dall’impresa beneficiaria, senza interessi, secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate scadenti il 31 maggio e il 30 novembre di ogni anno.

Quali sono le spese ammissibili

Sono agevolabili, con alcune differenze nelle singole voci a seconda che si tratti di imprese costituite da meno o oltre 36 mesi, le spese di acquisto di beni materiali e immateriali e servizi
sostenute dopo la presentazione della domanda ovvero dalla data di costituzione della società nel caso in cui la domanda sia presentata da persone fisiche, di seguito elencate:

  • Opere murarie e assimilate;
  • Macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica;
  • Programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
  • Acquisto di brevetti o acquisizione di relative licenze d’uso;
  • Consulenze specialistiche, nel limite del 5% dell’investimento ammissibile;
  • Oneri connessi alla stipula del contratto di finanziamento agevolato e oneri connessi alla costituzione della società;

Solo per le imprese operanti nel settore del turismo e costituite da oltre 36 mesi è ammesso anche:

  • l’acquisto dell’immobile sede dell’attività, nel limite massimo del 40% dell’investimento complessivo ammissibile.

Per le imprese costituite da non oltre 36 mesi è ammissibile anche un importo a copertura delle esigenze di capitale circolante, nel limite del 20% delle spese dei beni materiali e
immateriali, destinato all’acquisto di:

  • Materie prime;
  • Servizi;
  • Godimento di beni di terzi.

 Qual è la tipologia di incentivo

La misura prevede la concessione di un finanziamento a tasso agevolato al quale si aggiunge un contributo a fondo perduto, di cui non è ancora nota l'entità.

Quando presentare domanda

Le agevolazioni sono concesse attraverso una procedura valutativa a sportello.

Non sono ancora noti termini e le modalità di accesso alle agevolazioni.

 

 

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
11/11/2021 Contributi a fondo perduto per innovazione e trasformazione digitale ed ecologica delle pmi venete

La Regione Veneto ha pubblicato un bando finalizzato alla valorizzazione delle pmi dei settori della produzione del sistema manifatturiero e dei servizi alle imprese. Previsto un contributo a fondo perduto del 30% delle spese ammesse e dell'importo massimo di 150.000 euro per progetti di innovazione tecnologica di prodotto e di processo, ammodernamento di macchinari e di impianti, trasformazione digitale ed ecologica

 


 

29/10/2021 Contributi a fondo perduto per innovazione, ricerca industriale, sviluppo sperimentale

Pubblicata la nuova edizione del Bando per la selezione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale del Compentence Center MADE finalizzato a selezionare le proposte di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale sui temi dell’Industria 4.0. Previsto un contributo a fondo perduto fino a 100.000 euro.

 

22/10/2021 Bando Innovazione Digitale 2021: Contributi a fondo perduto per innovazione digitale delle imprese mantovane

Al via dal 25 ottobre 2021 il Bando Innovazione Digitale 2021 della Camera di Commercio di Mantova che sostiene la digitalizzazione e l'innovazione delle micro, piccole e medie imprese mantovane, mediante la concessione di un contributo a fondo perduto del 50% delle spese ammissibili e dell'importo massimo di 5.000 euro.