CCIAA Bologna: Contributi a fondo perduto per l'acquisto di sistemi e servizi di sicurezza

La Camera di Commercio di Bologna ha pubblicato un bando per la concessione di contributi a fondo perduto del 50 % in favore delle micro e piccole imprese ubicate nell'area metropolitana di Bologna esposte a fenomeni di criminalità, per sostenere l'acquisto di sistemi e servizi di sicurezza.

Chi può richiedere il contributo a fondo perduto

Possono fare richiesta di contributo a fondo perduto le micro e piccole imprese che per 2 anni consecutivi non hanno superato i seguenti parametri:

  • microimpresa è definita come un’impresa il cui organico sia inferiore a 10 persone (calcolate in termini U.L.A.- unità lavorative annue) e il cui fatturato o totale di bilancio non superi i 2 milioni di euro;
  • piccola impresa è definita come un’impresa il cui organico sia inferiore a 50 persone (calcolate in termini U.L.A.) e il cui fatturato o totale di bilancio non superi i 10 milioni di euro.

Possono inoltre fare richiesta di contributo:

  • I consorzi di imprese;
  • Le reti di imprese;
  • I raggruppamenti temporanei d'impresa (RTI) e le associazioni temporanee d'impresa (ATI).

Sono esclusi dai soggetti finanziabili i seguenti settori:

  • Produzione primaria in agricoltura (coltivazione del fondo e allevamento bestiame);
  • Pesca;
  • Acquacoltura.

Cosa finanzia il bando 

Il bando finanzia:

  • l'acquisto e l'installazione di sistemi di sicurezza nuovi di fabbrica;
  • l'acquisto di servizi di sicurezza.

Sono ammissibili solo l’acquisizione e relativa installazione di impianti o sistemi di nuova fabbricazione di cui sopra, esclusi gli ampliamenti e gli adeguamenti dei preesistenti.

Non sono ammissibili interventi di edilizia se non strettamente legati all'installazione dei predetti dispositivi per i quali è richiesto il contributo.

Quali sono le spese ammissibili

Sono ammissibili le seguenti spese:

  • 1) Sistemi di videoallarme antirapina in grado di interagire direttamente con gli apparati in essere presso le sale e le centrali operative della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri o degli Istituti di Vigilanza, conformemente ai principi predisposti dal Garante per la protezione dei dati personali in materia di videosorveglianza;
  • 2) Sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso, sistemi biometrici per l’accesso a locali protetti, sistemi antintrusione con allarme acustico e nebbiogeni;
  • 3) Casseforti, blindature, sistemi antitaccheggio, inferriate, porte di sicurezza, serrande e vetri antisfondamento;
  • 4) Sistemi di pagamento elettronici: POS e carte di credito, contactless e phone payment (vengono ammessi i canoni del servizio riferiti all’anno in corso, purché la fatturazione ed il pagamento integrale sia avvenuto tra il 12 ottobre 2019 e la data di invio della domanda);
  • 5) Dispositivi di illuminazione notturna, interni ed esterni ai locali aziendali, installati allo scopo di consentire la vista dell’interno dei locali aziendali e quindi anche la presenza di eventuali intrusi;
  • 6) Sistemi di rilevazione delle banconote false;
  • 7) Sistemi di allarme e videosorveglianza acquisiti con contratto d’uso che prevedano una connessione da remoto/app, inclusi i relativi servizi (vengono ammesse le spese connesse all’attivazione del servizio ed i canoni del medesimo riferiti all’anno in corso, purché la fatturazione ed il pagamento integrale sia avvenuto tra il 12 ottobre 2019 e la data di invio della domanda);
  • 8) Contratti stipulati con istituti di vigilanza per la sorveglianza dei locali aziendali (vengono ammessi i canoni del servizio riferiti all’anno in corso, purché la fatturazione ed il pagamento integrale sia avvenuto tra il 12 ottobre 2019 e la data di invio della domanda).

I sistemi di sicurezza e i dispositivi di pagamento per i quali si richiede il contributo dovranno risultare installati entro la data del 30 giugno 2020. 

Misura del contributo a fondo perduto

Il bando prevede un contributo a fondo perduto del 50 % delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 3.000.

Quando presentare la domanda 

Le domande di contributo devono essere presentate, esclusivamente in modalità telematica, dalle ore 9.00 del 2 marzo alle ore 13.00 del 2 aprile 2020

Potrebbe interessarti anche...
22/01/2020 Camera di Commercio di Bologna: Contributi a sostegno delle mamme imprenditrici 2020

Dal 14 settembre al 16 ottobre le imprese amministrate da donne imprenditrici che hanno figli nati nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2020 e il giorno di invio della domanda, possono richiedere un contributo a fondo perduto del 50 % delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 12.500 euro.

29/07/2019 Camera di Commercio di Bologna: contributi a fondo perduto per l’avvio di nuove imprese nell'area metropolitana di Bologna

Domande dal 16 settembre al 15 ottobre 2019. Agevolate in particolare le imprese giovanili e quelle femminili.

19/07/2019 Riapre il bando della Camera di Commercio di Bologna che eroga contributi a fondo perduto per l'acquisto di sistemi di sicurezza
Dal 16 settembre all’11 ottobre 2019 le micro e piccole imprese bolognesi potranno nuovamente fare domanda per accedere al contributo camerale pari al 50 % delle spese ammissibili - fino ad un massimo di € 3.000 - per l’acquisto e l’installazione di sistemi di sicurezza.
12/06/2019 Convegno a Bologna "Gli incentivi fiscali per l’innovazione delle imprese"

Mercoledì 26 Giugno 2019 ore 14.30 - 18.30 presso la Sala Traslazione, in Piazza San Domenico 12 a Bologna, si terrà l'incontro Gli incentivi fiscali per l’innovazione delle imprese.

18/03/2019 Dalla Camera di Commercio di Bologna contributi a fondo perduto per l’acquisto di sistemi di sicurezza

Dal 18 marzo al 18 aprile 2019 le micro e piccole imprese bolognesi potranno fare domanda per accedere al contributo camerale pari al 50 % delle spese ammissibili - fino ad un massimo di € 3.000 - per l’acquisto e l’installazione di sistemi di sicurezza.

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
18/01/2022 Contributi a fondo perduto per l'export digitale delle imprese emiliano romagnole

Pubblicata l'edizione 2022 del Bando Digital Export di Unioncamere e Regione Emilia Romagna che finanzia, attraverso la concessione di un contributo a fondo perduto del 50% delle spese ammesse e dell'importo massimo di 15.000 euro, le imprese emiliano romagnole che realizzano percorsi di rafforzamento della presenza all’estero e/o sviluppo di canali e strumenti di promozione all’estero basati su tecnologie digitali.

 

13/01/2022 Credito d'imposta del 50% per la digitalizzazione di agenzie di viaggi e tour operator

Pubblicato il decreto interministeriale che disciplina le modalità applicative per la fruizione del credito d'imposta del 50% per la digitalizzazione in favore delle agenzie di viaggi e dei tour operator.

Per l'incentivo sono stati stanziati 18 milioni di euro per il 2022, 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2023 e 2024, 60 milioni di euro per l’anno 2025, con una riserva del 40% dedicata agli interventi da realizzarsi nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia

 

13/01/2022 Contributi a fondo perduto per la digitalizzazione delle imprese romagnole

Al via il prossimo 31 gennaio il Bando Voucher Digitali I4.0 della Camera di Commercio della Romagna che finanzia, con un contributo a fondo perduto fino a 10.000 euro gli investimenti in digitalizzazione delle imprese delle province di Forlì-Cesena e Rimini.

Finanziati spese per servizi di consulenza e formazione e l'acquisto di beni e servizi strumentali per l’introduzione e lo sviluppo di una o più tecnologie abilitanti.