CCIAA Brescia: Contributi a fondo perduto per fiere in Italia, esclusa la Regione Lombardia

La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Brescia ha stanziato un fondo di euro 125.000 con finalità di:

Promuovere la partecipazione a fiere e mostre con qualifica nazionale o internazionale ed incontri di affari organizzati e programmati (variamente denominati come "matching", workshop, ecc.) aventi valenza nazionale e/o internazionale, che si svolgono in Italia (esclusa la Regione Lombardia).

Chi può richiedere il contributo

Sono ammissibili ai contributi previsti dal bando le imprese che presentino i seguenti requisiti:

  • Siano micro, piccole e medie imprese bresciane
  • Appartengano ai settori:
    •  dell’industria con meno di 250 dipendenti;
    • dell’agricoltura, del commercio, del turismo e dei servizi (compresi gli agenti e rappresentanti e gli agenti di affari in mediazione) e con non più di 40 dipendenti;
    • dell'artigianato, in possesso della relativa qualifica.
  • abbiano sede legale e/o unità locale operativa nella provincia di Brescia, siano iscritti al Registro delle Imprese ed in regola con la denuncia di inizio dell’attività presso l’ente camerale bresciano;
  • siano in possesso della qualifica artigiana, ove previsto.

Cosa finanzia il contributo a fondo perduto

Il bando finanzia gli investimenti che riguardano costi per il noleggio dell’area espositiva ed i costi di allestimento dello stand per la partecipazione, in qualità di espositori:

  • a fiere e mostre con qualifica nazionale o internazionale
  • a fiere e mostre organizzate e/o promosse dagli organismi partecipati dall'Ente camerale bresciano;
  • agli incontri di affari (variamente denominati come “matching”, workshop, ecc.) aventi valenza nazionale o internazionale,

con svolgimento dal 1 gennaio 2021 al 31 dicembre 2021.

Misura del contributo

Il bando prevede la concessione di contributo nella misura del 50% del costo sostenuto (al netto di I.V.A.) nel periodo 1.1.2021-31.12.2021 e dell’importo massimo di € 3.500.

La spesa minima ammissibile è di € 700 (al netto di I.V.A.).

Se l’impresa è in possesso del rating di legalità, verrà riconosciuta un’ulteriore premialità:

  • possesso di 1 stella di rating – premialità di € 150,
  • possesso di 2 stelle di rating – premialità di € 300,
  • possesso di 3 stelle di rating – premialità di € 500.

Quando presentare domanda

Le domande di contributo devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica da martedì 11 gennaio 2022 a lunedì 17 gennaio 2022 dalle ore 9 alle ore 16.

La valutazione delle domande avverrà secondo il criterio della priorità cronologica di presentazione telematica.

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
Esclamativa 23/05/2024 Al via il Credito d'Imposta per la ZES UNICA

Dal 12 giugno al 12 luglio 2024 sarà possibile inviare all'Agenzia delle Entrate le comunicazioni per la fruizione del Credito d'Imposta ZES UNICA, che ricomprende i territori delle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia.

Agevolabili gli investimenti, facenti parte di un progetto di investimento realizzati dal 1° gennaio 2024 al 15 novembre 2024, relativi all'acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature varie destinati a strutture produttive già esistenti o che vengono impiantate nella ZES unica, acquisto di terreni e all'acquisizione, alla realizzazione ovvero all'ampliamento di immobili strumentali agli investimenti ed effettivamente utilizzati per l'esercizio dell'attività nella struttura produttiva.

 

Esclamativa 22/05/2024 CCIAA Modena: Bando Cooperazione 5.0

Nuova opportunità dalla Camera di Commercio di Modena che intende promuovere e facilitare processi di cambiamento tecnologico e di transizione energetica del mondo della cooperazione.

Previsto un contributo fissato nella misura del 50% della spesa ammissibile, fino ad un massimo di 3.500,00 €, per ciascuna società cooperativa.

 

Esclamativa 17/05/2024 FRI-Tur: Bando per le imprese del Turismo

Il Ministero del Turismo promuove FRI-Tur, l’incentivo che punta a migliorare i servizi di ospitalità e a potenziare le strutture ricettive, in un’ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale.

Previsto un contributo a fondo perduto del 35% unitamente ad un finanziamento agevolato.