SIMEST: Misure di sostegno per le imprese danneggiate dall’alluvione di maggio 2023

SIMEST gestirà per conto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) uno stanziamento di risorse, che ammonta a 700 milioni di euro, da erogare attraverso l'istituzione di tre misure di sostegno delle imprese che hanno subito danni materiali diretti a causa dell’eccezionale ondata di maltempo, verificatasi nel mese di maggio 2023:

  • 1) Contributi a fondo perduto, fino a 1,5 milioni di euro per aziende esportatrici;
  • 2) Finanziamenti agevolati fino a 400 milioni di euro per tutte le aziende produttrici locali;
  • 3) Moratoria dei pagamenti in quota capitale e interessi su tutti i finanziamenti in essere.

Al via dal 26 giugno 2023 la prima misura che prevede la concessione di un contributo a fondo perduto fino a 1,5 milioni di euro in favore di PMI e Mid Cap esportatrici che sono state danneggiate dall'alluvione.

1) CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER INDENNIZZO DEI DANNI MATERIALI

Quale contributo prevede la Misura SIMEST per le imprese esportatrici colpite dall'alluvione?

La Misura di contributo a fondo perduto di SIMEST rivolta alle imprese esportatrici prevede l’assegnazione di contributi a fondo perduto fino a 1,5 milioni di euro per ciascuna azienda beneficiaria richiedente.

L’importo massimo del contributo è riconosciuto come segue:

  • per gli attivi non coperti da polizza assicurativa, fino all’80% del valore dei danni certificati nella Perizia Asseverata;
  • per gli attivi/coperti da polizza assicurativa, fino al 100% del valore dei danni certificati nella Perizia Asseverata non rientranti nelle coperture della polizza assicurativa.

Quali danni copre la misura SIMEST per le imprese esportatrici colpite dall'alluvione?

La misura di sostegno con contributo a fondo perduto per le imprese esportatrici prevede sostegno per il ripristino di danni materiali (es. immobili, attrezzature, macchinari, automezzi e scorte di magazzino) subiti dall’impresa richiedente con un nesso causale diretto con l’evento alluvionale.

Il danno deve essere accertato da una perizia asseverata rilasciata da un perito iscritto ad Albo/Ordine/Collegio professionale.

Chi può beneficiare delle agevolazioni previste dalla Misura SIMEST per le imprese esportatrici colpite dall'alluvione?

Possono beneficiare delle agevolazioni previste dalla Misura SIMEST tutte le aziende esportatrici, PMI (incluso micro, piccole e medie imprese) o Mid Cap, localizzate nei territori o pertinenti frazioni dei comuni interessati dagli eventi alluvionali verificatisi a partire dal 1° maggio 2023 per i quali è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Le aziende richiedenti devono possedere i requisiti previsti dalla misura, tra i quali:

  • alla data di presentazione della domanda, avere depositato presso il Registro imprese il bilancio relativo all’esercizio 2022, o in alternativa, ove non depositato in virtù di una proroga dei termini per il deposito, l’ultimo bilancio depositato per i quali siano scaduti i termini di deposito (Bilancio relativo all’esercizio 2021);
  • avere un fatturato export pari ad almeno il 10% come rilevato da Dichiarazione IVA 2023 (o, ove non ancora presentata in virtù di proroghe sui termini di presentazione, Dichiarazione IVA 2022);
  • aver subito un danno alla data dell’evento certificato da una perizia asseverata, secondo lo schema di perizia allegato circolare di Simest.

Quando presentare la domanda per partecipare all’assegnazione delle agevolazioni previste dalla Misura SIMEST per le imprese esportatrici colpite dall'alluvione?

Le domande di contributo devono essere presentate a partire dal 26 giugno alle ore 09:00 e fino ad esaurimento risorse solo in modalità telematica.

Il contributo è concesso nel rispetto dell’ordine cronologico di ricezione delle domande.

2) FINANZIAMENTI AGEVOLATI

La seconda misura di SIMEST prevede uno stanziamento fino a 400 milioni di euro che saranno erogati sotto forma di finanziamenti a tassi agevolati con quote a fondo perduto del 10% ed esenzione delle garanzie.   

L'agevolazione si rivolge non solo le aziende esportatrici ma anche tutte le aziende produttrici locali che hanno subito danni dall'eccezionale ondata di maltempo. 

3) MORATORIA DEI PAGAMENTI 

La terza misura promossa da SIMEST prevede una sospensione di 12 mesi dei pagamenti in quota capitale e degli interessi su tutti i finanziamenti in essere a valere sul Fondo 394 e sulla misura PNRR-Fondo 394, fermo restando la durata massima del finanziamento concesso.

Si tratta di un'agevolazione indirizzata alle imprese esportatrici colpite dall'alluvione.

Per ulteriori informazioni contattaci allo 059/362285 oppure scrivi a info@esclamativa.it

Guarda le altre notizie di Finanza agevolata
Esclamativa 18/06/2024 CCIAA Brescia: Contributi per servizi e consulenze di sostenibilità ambientale

Nuovo bando della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Brescia a favore delle micro, piccole e medie imprese bresciane operanti in tutti i settori economici per contributi diretti all'acquisizione di servizi e di consulenze specialistiche in tema di sostenibilità ambientale.

Il contributo è concedibile nella misura del 50% del costo sostenuto fino ad un contributo massimo per ogni impresa di € 5.000.

Esclamativa 17/06/2024 CCIAA Treviso-Belluno: Contributi a fondo perduto per la doppia transizione digitale ed ecologica

La Camera di Commercio di Treviso-Belluno intende rafforzare la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle MPMI, di tutti i settori economici attraverso il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione ed efficientamento energetico finalizzate anche alla transizione ecologica del tessuto produttivo. 

L’intensità del contributo a fondo perduto è pari al 50% della spesa sostenuta ed effettivamente ammissibile fino ad un massimo di 35.000,00 euro di contributo.

Esclamativa 14/06/2024 CCIAA Bologna: Contributi a fondo perduto per la digitalizzazione

La Camera di commercio di Bologna ha pubblicato un nuovo bando per promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle Micro, Piccole e Medie Imprese di tutti i settori economici attraverso il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione, anche finalizzate ad approcci green oriented volti a sostenere la transizione ecologica del tessuto produttivo.

Le agevolazioni saranno accordate sotto forma di contributi a fondo perduto, del 50% delle spese ammissibili e fino ad un massimo di 10.000,00 euro di contributo.